Homepage > Saggistica > Biografia > Stuart: Una vita all'indietro Recensioni

Stuart: Una vita all'indietro

Stuart: A Life Backwards
Da Alexander Masters
Recensioni: 29 | Valutazione complessiva: Bene
Premiato
12
Bene
12
Media
2
Male
1
Terribile
2
In questo libro straordinario, Alexander Masters ha creato un commovente ritratto di un uomo in difficoltà, un'amicizia improbabile e un mondo disperato che pochi vedono mai. Un avvincente viaggio nel passato, inizia con Masters che incontra uno Stuart ubriaco sdraiato su un marciapiede a Cambridge, in Inghilterra, e conduce attraverso strati di inferno attraverso crimini e delitti, prigione e

Recensioni

04/21/2020
Nunci Wahlstrom

Un bellissimo cane, probabilmente una specie di cane da riporto, aveva una cucciolata di cuccioli, ognuno di loro una palla d'oro di pura gioia, e questo ha portato direttamente alla morte di tre persone a Oxford, la famosa città universitaria in Inghilterra, alcuni anni fa . Le persone erano senzatetto, ed è noto che i senzatetto amano i loro cani, perché i loro cani sono la loro famiglia. Inoltre, un cane ti terrà caldo di notte. E soprattutto hanno adorato questi cuccioli e sono rimasti elettrizzati quando il proprietario dei cuccioli li ha regalati tutti. Ma era un inverno freddo e freddo quell'anno, così freddo che a gennaio anche i senzatetto hardcore avevano bisogno di un riparo, che di solito evitavano come la peste. Ma avevano i bellissimi cuccioli. E la regola al rifugio era: NESSUN CANE. Quindi i senzatetto rimasero con i loro cani e morirono di ipotermia. I cuccioli non erano abbastanza grandi da impedire loro di morire.

Questa è solo una delle molte storie della vita difficile di Stuart Shorter, un uomo che ha avuto più problemi delle ultime dieci persone che hai incontrato in cui ti sei detto "whoah, hanno problemi" messi insieme, come detto a e meditato da Alexander Masters. Devono essere il doppio atto più strano dei tempi moderni.

Questo è un libro triste ma triste ma è praticamente da leggere.
04/21/2020
Woodward Veeru

Ho appena finito questo libro, e onestamente sono così inadeguato con le parole che non proverò nemmeno a scrivere una recensione adeguata, non potrei mai rendere giustizia o sperare di spiegare tutti i piccoli pensieri sulla vita che ha fatto io ho - ma voglio che tutti lo leggano.

Era incredibilmente triste, perspicace, divertente, scaldava il cuore e disturbava. So che Stuart aveva fatto cose terribili nella sua breve vita, che era incredibilmente danneggiato ma pensavo che fosse anche estremamente carismatico e intellettuale, un'anima meravigliosa e per tutto il libro come Alexander ero impazzito di come avrebbe potuto essere estrodianismo ma ha scelto questa vita caotica di violenza, dipendenza e abuso di sé, e come sua madre volevo afferrarlo per i suoi piedi, capovolgerlo e scuotere da sé tutte le cose cattive.

Mi ha spezzato il cuore le cose che ha vissuto da bambino, l'orribile abuso che ha subito, è stato come un mistero di omicidio, ciò che ha ucciso la persona che poteva diventare, la cosa triste è che loro sono uomini come Stuart ovunque, il uomo che vende il grosso problema al di fuori di Sainburys Scommetto che ha una storia semplice da raccontare, scommetto che passo uomini come lui ogni giorno.
04/21/2020
Daron Strimling

Avendo trascorso gran parte della mia vita lavorando nel campo dei servizi umani, questo libro mi ha davvero dato molto su cui riflettere. Poi di nuovo, lo avrebbe fatto indipendentemente da cosa. Per anni ho cercato così duramente di non lasciarmi stanco o cinico dei clienti con cui ho lavorato, rendendomi conto che il comportamento a cui ho assistito e i dettagli personali che conoscevo probabilmente graffiavano solo la superficie della somma totale delle esperienze della loro vita (piena ammissione: alla fine, ho fallito). Questo libro approfondisce le percezioni superficiali ed espone molta bruttezza. Leggendo "Stuart", sono stato contemporaneamente profondamente toccato, disgustato, inorridito, contento di averlo letto e mi dispiace di aver strappato la testa dalla sabbia.

Per chiunque pensi che siamo "tutti uguali", specialmente in America (sì, mi rendo conto che questo libro è stato scritto da un inglese su un inglese), spero che questo libro ti faccia pensare di nuovo. Alcuni di noi sono nati in circostanze che impediranno sempre parità di condizioni. Potremmo tutti condividere lo stesso pianeta, ma non viviamo tutti nello stesso mondo.

Tuttavia, il fatto che Stuart fosse ancora in grado di mostrare qualsiasi tipo di umorismo, intelligenza o sensibilità, nonostante ciò che i suoi simili gli avevano fatto, mi dà qualche speranza.
04/21/2020
Pettifer Deramus

Quindi tutti gli elogi sulla giacca sembrano coinvolgere le persone che cadono su se stesse. Non che ci sia qualcosa di sbagliato in questo. E non che non capisco. È solo quello, beh ... non è quel tipo di libro. Stuart è un senzatetto ... tranne che non lo è, quando lo incontriamo. Chi è malato di mente ... se non che sta bene, quando lo incontriamo. Chi è stato in prigione innumerevoli volte. Chi ha fallito il sistema ... tranne che non lo ha fatto, perché qualcuno chi non era se stesso doveva tirarlo fuori da quel garage. Stuart e Alexander vivono entrambi a Oxford, dove Alex è uno ... scrittore? Attivista sociale? Lavoratore al riparo? Tutto allo stesso tempo. Un po 'di Stuart:

Stuart non può avere la patente di guida. Ci sono già così tanti punti di penalità schierati nelle stazioni di polizia in attesa di essere rilasciati su quella licenza nel momento in cui la licenza viene creata che, anche se tale licenza dovesse mai esistere, allo stesso tempo sarebbe impossibile per essa esistere. Solo Stuart è riuscito a dare alla sua relazione con la documentazione del veicolo un sapore di meccanica quantistica.

Stuart è curioso, supponente, educato e follemente disfunzionale. Ci sono così tante parti e qualifiche disparate, è quasi impossibile capire come funziona tutto. È quello che Alexander sta cercando di capire.

Amaro della disapprovazione, un uomo grassoccio con gli occhiali da scaffale accusa Stuart di voler legalizzare l'eroina.
'No, signore, solo cannabis. Smack significa più drogati e meno produzione economica a lungo termine. "
L'uomo sa 'quanti letti di disintossicazione ci sono a Oxford per tutti quei drogati? Due, signore. E per la metà del tempo in cui sono stati nei loro letti per cinque o sei giorni, sono stati riportati alla situazione in cui si trovavano prima di andare lì. Cadono dal vagone tanto velocemente quanto salivano sul vagone. Dove, l'imposta al largo sarebbe effettivamente pagare per tutti i programmi di trattamento e le attività di polizia per la dipendenza da eroina. Legalizza la cannabis ma scendi come una tonnellata di mattoni nella classe As. '
Quando torno dopo quindici minuti, Stuart e l'uomo con gli occhiali hanno una conversazione amabile sulla politica sudamericana.


È solo che Stuart ha queste tendenze alla violenza ... ed è così instabile ...
"Se ora hai una foto di un college di sesta forma," conclude sentimentalmente, "saresti fortunato se trovassi due persone che non sembravano esattamente uguali a tutte le altre. Ma a quei tempi non era noioso e materialista, come oggi.
"Allora ti uniresti e ti batteresti a vicenda?"
'Si.'
04/21/2020
Aramenta Zona

Non leggo molte biografie e ho raccolto questo libro per capriccio qualche giorno fa, mentre stavo riempiendo il tempo di navigare in libreria perché ero in anticipo per il mio appuntamento dal parrucchiere. Ho comprato il libro a causa della pagina iniziale, che ho letto nel negozio. Capelli fatti, riviste lette, vacanze discusse (non proprio), sono tornato a casa e ho ignorato il mio barcollare "per leggere" la pila e mi sono bloccato in "Stuart" a causa della pagina 6. Fondamentalmente, se ti piacciono le pagine da 1 a 6 di questo libro, allora ti piacerà il resto. Ho adorato le pagine 1-6. E la pagina 6 mi ha catturato.
Alexander Masters, il biografo, cattura nella sua arguzia e frustrazione i problemi di una persona della classe media che cerca di capire meravigliosamente la persona caotica che è Stuart. Intendo meravigliosamente. La sua scrittura è bella, divertente e intelligente.
Alla fine, tuttavia, la storia di Stuart è una tragedia.
04/21/2020
Love Lessenberry

Una visione molto commovente, precisa e non automatizzata del problema dei senzatetto, della dipendenza e delle malattie mentali, Masters realizza qualcosa di abbastanza raro nel confrontarsi con la tragedia intrinseca di questi problemi senza appesantire le scelte di vita reale che hanno portato al dilemma di Stuart. Apparentemente c'è un'intera industria generata da tragiche storie di vita e quelli che hanno superato grandi difficoltà semplicemente avendo un'esistenza normale, ma ciò che Masters ottiene attraverso il suo racconto della storia di Stuart è evidenziare la storia che troppo spesso non si racconta alla persona che non è mai in grado di superare le grandi disgrazie che la vita ha fatto strada. Stuart è come detto che sei un pazzo stereotipato locale, il tipo che è evidente in quasi tutte le città di dimensioni e che la maggior parte di noi attraverserebbe la strada per evitare. Il Maestro capovolge la situazione affrontando effettivamente Stuart e ascoltando la sua storia, qualcosa che senti raramente è il caso e tra i due si forma un'amicizia inquieta. La loro amicizia che in sostanza incornicia la storia è tutt'uno nel suo senso più vero con Masters, che si imbatte in un liberale dal cuore sanguinante, adottando l'approccio unico di trattare effettivamente Stuart come un essere umano piuttosto che una vittima. La storia che racconta non è quella che simpatizza con ogni aspetto delle scelte di vita di Stuart e ti rendi conto mentre la leggi che in realtà una grande parte della colpa delle circostanze di Stuart deve ricadere sullo stesso Stuart, che di volta in volta si sabota le opportunità che gli viene concesso di sfuggire al ciclo della dipendenza e della povertà. Attraverso la storia di Stuart, Masters illustra i molti problemi affrontati nel trattare i problemi che affronta, quelli che purtroppo sembra non possano essere risolti dalla politica o dal benessere sociale e alla fine sembra solo spingere per il trattamento di tutti indipendentemente dalla situazione come un l'essere umano innanzitutto come l'unico mezzo efficace per acquisire comprensione e promuovere la società che la politica spesso non riesce a raggiungere.
04/21/2020
Tasia Stalker

Questa biografia racconta la storia della vita di Stuart Shorter, un coltello senzatetto che maneggia pazzo, dal presente alla sua infanzia, per spiegare come è passato dall'essere un ragazzino felice e fortunato a un drogato senzatetto. Ho adorato questo libro, ma l'ho letto con un senso di presagio, sapendo che sarebbe tornato ad alcuni eventi orribili durante la sua infanzia, e lo fa. Il libro salta avanti e indietro un po ', in parte è divertente come Stuart racconta delle sue varie esperienze in prigioni in tutta l'Inghilterra e del suo metodo per non essere vittima di bullismo in prigione - per affermarsi come psicopatico residente. Le conversazioni di Stuart con Alexander Masters sono impagabili e i due diventano amici, anche se Alexander trova frustrante lo stile di vita di Stuart e cerca costantemente risposte. La loro esilarante conversazione in cui Stuart spiega cos'è un'auto “a pioli”, dimostra da quali mondi diversi provengono. Mi è piaciuto il modo in cui Masters ci mostra la stesura del libro e vediamo la reazione di Stuart a vari capitoli mentre progredisce "Bollocks Boring" come sua reazione alla prima bozza. Il principale nemico di Stuart, "The System", lo fallì da scuola a prigione, e una delle parti più toccanti di questo libro è una lettera dell'autore della scuola elementare di Stuart all'autore, in quanto riflette se avrebbe potuto fare di più per aiutarlo . Tutti dovrebbero leggere questo libro, chiunque abbia mai passato un senzatetto per strada e abbia pensato "Sembra così normale, cosa sta facendo lì" dovrebbe leggere questo. Questo libro ha portato alla luce una persona reale dietro la sottoscassa che vediamo gironzolare ogni giorno nelle nostre città.
04/21/2020
Emelen Saroop

L'autore ha fatto un ottimo lavoro aiutandomi a capire la vita di Stuart, un uomo di strada. Dipendenza, abuso, malattia mentale, sfide fisiche, non è un mistero il motivo per cui Stuart visse così. Ciò che veramente spiccava per me era l'intuizione nella mente dell'uomo. Per la maggior parte di noi, c'è una cronologia e un programma ai nostri giorni. Quando questo cade a pezzi, c'è confusione. Con un flusso costante di eventi caotici, il nostro stesso senso di sé diventa instabile. Purtroppo, non c'è molta speranza offerta su come migliorare la vita, tranne l'intervento precoce. Non ho capito un po 'della terminologia e del sistema del Regno Unito, ma penso che l'esperienza si traduca abbastanza bene in quella americana.
04/21/2020
Johppah Rakers


Non vorrei rovinarlo per nessuno che non lo abbia ancora letto, ma questa storia è straziante. È anche divertente, intelligente e meraviglioso. Questa è la straordinaria storia di Stuart.

Ci sono state molte volte in questo libro che mi sono spuntate le lacrime agli occhi, anche se non sempre per i pezzi "tristi". L'esibizione di gentilezza, decenza e umanità generali si sta incredibilmente muovendo da sola. Se un libro promuove l'accettazione, questo è tutto.

È difficile sintetizzare completamente Stuart: A Life Backwards, ma credimi quando dico che è stranamente bello.

Sicuramente uno di quei libri che tutti dovrebbero leggere. ❤



04/21/2020
Jocelin Ohmann

Che meravigliosa biografia di un'anima travagliata. Questo libro ha tutte le "sensazioni". Triste, felice, frustrato, divertito, arrabbiato, confuso: tutto in un unico pacchetto. Stuart offre una prospettiva molto diversa della vita per le strade. Soffrendo di MD fin dall'infanzia e abusando della maggior parte della sua vita, Stuart trova il modo di sfuggire all'inferno che è la sua vita usando droghe e alcol. Si mette costantemente nei guai, eppure in fondo è una persona molto premurosa. Sebbene, da adulto, Stuart abbia problemi con la sua memoria, può ancora dirti il ​​momento esatto in cui è diventato sociopatico. Una storia così ricca, ma commovente. Meraviglioso. Ti fa pensare. Ti fa sentire. Grazie per il libro, Marla!

Questa storia è stata trasformata in un film nel 2007, con Benedict Cumberbatch e Tom Hardy. Mi piacerebbe molto trovarne una copia da qualche parte.
04/21/2020
Henrik Niebel

Era un libro insolito. Il fenomeno dei senzatetto è sempre stato un mistero per me, mi sono sempre chiesto come succede, è solo povertà o qualcos'altro; perché la gente viveva nelle strade, non può riportare la propria vita alla normalità anche se ne ha l'opportunità? Il libro dice molto su tutte queste cose, ma non lo fa e non può rispondere a tutte le domande.

Innanzitutto, "Stuart" è un prezioso documento di una vita umana. È anche un documento prezioso su come pensano i senzatetto e perché molti benefici sociali non funzionano. Per me questo lato informativo del libro è stata la parte più interessante. Ho trovato difficile definire i miei sentimenti nei confronti di Stuart.La simpatia dello scrittore era evidente in tutta la scrittura ma lo conosceva personalmente e noi non lo facciamo. Sembra che ci sia stato molto di buono in lui, ma anche un sacco di aggressività e violenza.

Il libro non fornisce una risposta alla domanda principale: cosa spinge esattamente un uomo a deviare dalla vita normale e a scegliere la strada della violenza e della rabbia? Certo, un'infanzia travagliata, gli abusi sessuali sono sufficienti per spingere uno oltre i confini del normale ma, come dice Stuart, molte persone hanno attraversato lo stesso e tuttavia si sono trasformate in buoni cittadini. Forse dopo tutto, è una questione di scelta personale?

Detto questo, mi è piaciuto molto il libro: è stato toccante, umano e scritto dal cuore. È un peccato che la vita di Stuart fosse troppo breve per essere cambiata per sempre
04/21/2020
Fonville Prause

Alexander Masters presenta un ritratto avvincente e umanizzante di Stuart Shorter, alias "Psycho", un britannico senza dimora, un ex detenuto, un ex drogato, alcolizzato e un essere umano onesto e perdonabile a XNUMX gradi. Come spiega il sottotitolo, Masters racconta all'indietro la biografia di Shorter, spiegando con dettaglio straziante i capitoli della vita infelice e sfortunata di Shorter e le circostanze che li hanno uniti. Anche le piccole illustrazioni (presumibilmente di Masters?) E le riproduzioni della calligrafia infantile di Shorter sono commoventi e memorabili. Dopo aver finito questo libro, mi sono ritrovato a pensare diversamente e con molta più compassione verso i senzatetto che passo regolarmente per strada. Più breve, come molte persone che sono state completamente scomposte, sembra comprendere il concetto di grazia meglio di tutti noi. Come dice della sua stessa condizione, "Senzatetto: non si tratta di non avere una casa. Si tratta di qualcosa di gravemente sbagliato. " Consigliato.
04/21/2020
Stilu Desalle

Stuart: Una vita all'indietro di Alexander Masters

Quando ho scoperto che questo era uno dei 25 libri che avevo vinto da Booka, ero davvero entusiasta. Avevo visto il film e lo adoravo grazie a Benedict Cumberbatch e Tom Hardy. Non mi ci è voluto molto per amare Stuart. Quando ho iniziato il libro ho sentito lo stesso tono. Nonostante l'argomento potenzialmente deprimente, mi sono ritrovato a sorridere a ciò che Stuart ha detto e non vedevo l'ora di leggere il prossimo capitolo. A differenza della maggior parte delle biografie c'era vero umorismo e calore. Normalmente trovo che siano semplicemente fatti nudi. Il libro è ovviamente più dettagliato del film e l'amicizia tra Alexander e Stuart traspare davvero. Masters fa un ottimo lavoro nel rendere simpatico il drogato caotico, senzatetto, violento, Stuart e qualcuno a cui tieni e che vorresti incontrare. Purtroppo quest'ultimo non è possibile. L'unica ragione per cui ho dato quattro invece di cinque è perché ho trovato il libro leggermente in ritardo nel mezzo prima di riprenderlo alla fine.
04/21/2020
Saeger Belzung

Lo ammetto, ho visto prima il film. Benedict Cumberbatch. 'Nuff ha detto. Ma ero così affascinato dalla storia di Stuart Shorter e dalla sua successiva interpretazione di Tom Hardy (era un asso!), Che ho dovuto leggere il libro.

Questo è un libro meraviglioso. Alexander Masters cattura l'essenza di Stuart in un modo irresistibile e straziante allo stesso tempo. È la storia di un giovane così coinvolto nel dolore e nella tragedia, eppure ha una visione così profonda della vita. Ho fatto male per la famiglia di Stuart, Alexander e Stuart.

Ti ritroverai a ridere su una pagina e poi a piangere alla successiva. Anche un trattato sulla condizione dei senzatetto e dei malati di mente, il signor Masters espone questi temi sociali sotto i riflettori attraverso la vita travagliata di Stuart. Stuart non è un uomo facilmente dimenticabile e la sua storia rimarrà con te molto tempo dopo aver finito il libro. Consiglio anche di vedere il film, poiché rimane fedele al cuore del romanzo.

Uno dei migliori libri che ho letto da secoli. Leggi questo Leggilo ora
04/21/2020
Ditmore Pfeifle

Di solito non sono il tipo di persona che legge biografie, ma questo mi ha solo affascinato. Da questo libro ho imparato così tanto sulla vita di persone come Stuart, che alieniamo così tanto dalla società. Questo da solo dovrebbe essere un buon motivo per chiunque di leggere questo libro. Stuart è una persona eccezionale: logico, intelligente e divertente, ed è divertente 'stare' intorno a lui in questo libro, il che mi rende ancora più comprensivo nei confronti della sua situazione e degli eventi della vita, che gli hanno impedito di essere e di essere una persona eccellente. Il layout è un'ottima idea, a partire dalla vita in rovina del presente, e lavorare di nuovo per analizzare i suoi problemi e infine incontrare la sua infanzia scioccante e disgustosa. Il modo in cui Masters scrive è molto schietto (a volte penso che i suoi pensieri siano un po 'troppo crudeli) ma questo porta la realtà nel libro, rendendo Stuart ancora più reale per me. L'umorismo ha mantenuto il libro divertente e non troppo deprimente, ma nel complesso questa è una visione fantastica del mondo di Stuart, e rimarrà con me per molto tempo. Di grande ispirazione. RIP Stuart
04/21/2020
Zea Curnow

Questo è un libro di memorie altamente originale e accattivante che ha catturato il cuore dei lettori di tutto il mondo. "Stuart, A Life Backwards", è la storia di una straordinaria amicizia tra uno scrittore e un illustratore solitario ("un ponce della classe media, se vuoi essere onesto, Alexander") e un mendicante caotico, che brandisce il coltello e che viene a sapere durante una campagna per liberare due carità dalla prigione. Intrecciata in questo, è la confessione di Stuart: la storia della sua vita, raccontata al contrario. Con umorismo, compassione (ed esasperazione), i Maestri lavorano lentamente attraverso rapine all'ufficio postale, rivolte in prigione e il giorno esatto in cui Stuart ha scoperto la violenza, per spiegare le ragioni per cui è passato da un ragazzino felice in un drogato polidipendente- personalità alcolica Jekyll e Hyde, con una predilezione per quelle che lui chiamava "piccole strisce d'argento" (coltelli per te e per me). Divertente, disperante, brillantemente scritto e pieno di sorprese: questa è la biografia più originale e commovente degli ultimi anni.
04/21/2020
Bina Praytor

[Revisione rapida dalla memoria prima di rileggerla e riesaminarla in un secondo momento]

(Oh mio Dio. Ricordo quasi tutto di questo libro e sento nelle mie ossa che non sarà mai un libro a cinque stelle. Una rilettura definita ma quando non potrei dirlo. Così triste, così bello, così ridicolo. Così umano. Così stupido. Così assolutamente tutto. Vorrei solo ricordare di aver visto prima l'adattamento o di aver letto il libro per primo. Immagino che fosse il primo, dal momento che non ho mai letto opere ispirate alla vita reale, mai.)
04/21/2020
Kerril Korth

È molto raro che inizierò un libro e non lo finirò, ma questo è uno di quei libri. Non ci riuscivo. La voce del narratore è in qualche modo coinvolgente, ma ero annoiato dalle lacrime che leggevo questo e alla fine mi sono arreso.
04/21/2020
LeCroy Simler

Un assistente sociale viene pagato per essere amico di un caso sociale e quindi scrive un romanzo su di lui. Depravazione etica
04/21/2020
Nore Esteves

Questo libro è stato assegnato alla lettura per il mio corso di laurea e ho appena iniziato a leggerlo. L'ironia è che è stato assegnato a due classi separate di scrittura creativa, eppure non potevo sopportare la scrittura. La struttura doveva essere intelligente, creare un'atmosfera di intrighi e mistero, ma per me ha reso la storia sconnessa e difficile da seguire. Ho trovato molto difficile connettermi con Stuart e preoccuparmi molto della sua storia fino al 75% circa del libro, quando la sua prima infanzia viene finalmente toccata in ogni dettaglio.

E di certo non potevo preoccuparmi di Alexander - per tutti i riassunti di questo libro che affermano che Stuart era amico di Alexander, non ho visto molta empatia per Stuart proveniente da Alexander. Alexander menziona più volte che pensava che certe cose avrebbero reso buoni pezzi sul giornale, e sembra che Stuart fosse poco più per lui di una storia che sarebbe diventata un buon libro che avrebbe venduto molte copie. Anche verso la fine, Alexander è costantemente frustrato con Stuart e sembra del tutto riluttante a capire il suo modo di pensare - semplicemente non mi sta bene.

È stata una storia interessante e mi ha dato un'idea di un tipo di vita che non riesco a immaginare di vivere, ma non credo che consiglierei questo libro a nessuno. Sono sicuro che ci sono altri libri che hanno raccontato storie simili in modi molto più sensibili ed efficaci.
04/21/2020
Tirrell Smolic

Scritto come nessun altro libro che ho letto, al contrario. Perspicace, ma anche straziante. Non un cambio pagina ma assolutamente da leggere
04/21/2020
Esch Rinderer

Doloroso, divertente e dolorosamente divertente. Non mi aspettavo di divertirmi così tanto. Consiglio vivamente di leggere questo libro.
04/21/2020
Birk Freme

Questo è un libro illuminante e potente. La biografia di un senzatetto racconta all'indietro dall'età adulta alla sua infanzia, nella speranza di individuare ciò che ha causato la sua vita travagliata. Oltre ad aiutarmi a capire perché lo ha portato in un posto così difficile, mi ha anche aiutato a capire molto sui sistemi in atto per aiutare i senzatetto, gli alcolisti e i tossicodipendenti. Ottima lettura
04/21/2020
Krebs Saucedo

Caldo, umano, perspicace, divertente, inquietante e probabilmente tutte le cose in quarta di copertina. Davvero un libro che cambia la tua visione della vita.
04/21/2020
Sharos Ashworth/branson

Il liquame di volgarità era difficile da fangare, ma sono riuscito solo perché ho saltato la lettura. Lo stesso biografo non è particolarmente profano, ma il suo povero soggetto sforzato, sebbene perfettamente capace di una descrizione piuttosto profonda, predilige principalmente due particolari parolacce. Dato che queste due parole sono coerenti, sono facili da saltare una volta individuata la prima lettera. Non avrei mai potuto farlo attraverso un audio. Questa biografia ha uno scopo interessante, perché il punto principale è cercare di capire la psicologia dei senzatetto nel suo insieme guardando la storia di Stuart. Stuart è pensato per essere la storia del "successo", ma quando il lettore scopre sia pagina per pagina che, alla fine, non ha successo, anche se chissà se forse avrebbe potuto esserlo? Masters ha un tono meravigliosamente originale che ti permette di vedere il suo personaggio accanto a quello di Stuart. Ho controllato il background di Masters dopo aver letto il libro, solo per scoprire che fa matematica, fisica quantistica e filosofia (come nei dottorati). I suoi genitori sono autori. A giudicare dai suoi scritti, nulla di tutto ciò è sorprendente. Adoro il suo senso dell'umorismo secco e molto pungente. È molto divertente. Un estratto che ho adorato dal libro:

p100 Ruth (che ha trascorso del tempo in prigione dopo essere stato ingiustamente condannato per aver voltato le spalle all'utilizzo di droghe / affari mentre gestisce un rifugio per senzatetto) dice "... è sorprendente quanto di quello che immagini sia il tuo innato senso di sé in realtà proviene da cose che non sono affatto sé stessi: le reazioni delle persone alla camicetta che indossi, la rispetto della tua famiglia, l'attenzione degli amici, la loro approvazione delle immagini nel tuo salotto, la pulizia del tuo prato, il il modo in cui le persone sussurrano il tuo nome. Sono queste mostre di te stesso, che si riflettono nelle persone che incontri, che ti danno conforto e la tua identità. Portale via, sii messo in una piccola stanza e chiamato da un numero, e inizi svanire. È quasi oggetto di un milione di titoli di riviste - tranne per il fatto che le riviste leggono "Cosa dicono i tuoi vestiti su di te"; in prigione, ti rendi conto che dovrebbero leggere "Cosa ti rimane dopo che i tuoi vestiti hanno avuto il loro dire?'

Questo è esattamente il tipo di cosa terribilmente importante a cui le persone non amano pensare, perché può essere estremamente doloroso se non si ha molta sostanza. Una volta che la lanugine viene spogliata, forse non rimane molto di te e la tua coscienza può essere spietata nella sua auto-convinzione. Essendo quel senzatetto coinvolge molti degli stessi fattori (togliendo tutto tranne te stesso), questo concetto di Ruth viene toccato almeno leggermente in tutta la biografia.

Inoltre, ci sono illustrazioni casuali di schizzi / scarabocchi che colpiscono il libro e li ho assolutamente adorati! Abbinano così bene lo stile di scrittura e, a volte, possono essere profondi quanto la scrittura stessa.

Ancora più difficile della volgarità era l'argomento. Sebbene non sia così graficamente coperto come avrebbe potuto essere, l'argomento della pedofilia è un argomento particolarmente angosciante e nauseabondo. Ce n'è in abbondanza nella vita di Stuart (come vittima, non come autore), e dopo aver letto ciò che ha vissuto, è molto più facile per me avere una profonda simpatia per quello che ha fatto della sua vita dopo l'abuso orribile e costante che ha subìto.
04/21/2020
Audley Fouch

"Stuart: A Life Backwards", la biografia di un senzatetto di Cambridge potrebbe anche essere intitolata "Stuart: A Life Unanswered". Alexander Masters, o come lo definisce il suo soggetto Stuart Shorter, "classe media c ***", narra la storia della vita di un uomo che la maggior parte di noi avrebbe letteralmente calpestato la strada, senza alcuna soluzione palese su come potesse essere salvato da il suo stato semi-scelto. A differenza della maggior parte degli eroi biografici, la vita di Stuart non è notevole per quello che ha fatto, ma più per le cose continuamente terribili che gli sono state fatte e per come continua ad andare avanti con umorismo, intelligenza e occasionali tentativi di suicidio. La storia, come suggerito dal suo titolo, è raccontata all'indietro, "come scrive Tom Clancy", come afferma Stuart. L'intento è risalire all'origine di come la vita di Stuart sia passata dall'innocenza infantile a un ciclo di pene detentive e assalti sociopatici che finiscono, o piuttosto iniziano secondo la struttura del libro, con Stuart che viene colpito e ucciso dal treno delle 11.15.

La prospettiva di leggere un libro su un sociopatico senzatetto può sembrare una storia singhiozzante poco attraente che attende di essere vissuta, ma Masters si avvicina all'argomento con sarcasmo e umorismo sufficienti a far sì che la stragrande maggioranza del libro sia abbastanza esilarante. Non finge mai di essere un sapiente dei senzatetto. Inserisce spesso commenti che mostrano il suo aggravamento interno alla comunità dei senzatetto, "Adoro la polizia. Vorrei che vivessimo in uno stato di polizia" e fa mirabilmente amicizia con Stuart senza mai tentare di costringerlo a cambiare le sue abitudini di vita. Ma dato che è l'argomento del libro, il massimo dell'umorismo e dell'emozionalità del pezzo ricadono sulle abitudini peculiari di Stuart. La sua ricetta per "Convict Curry", le sue spiegazioni dettagliate sul furto d'auto e il suo tatuaggio sul braccio "F * CK" fatto in casa contribuiscono tutti alla vita di un

Nonostante tutto il suo umorismo e l'amicizia toccantemente sviluppata tra biografo e soggetto, "Stuart: A Life Backwards" non è privo di catarsi emotiva. Masters include materiale primario e secondariamente studiato sul sistema rotto di benefici per i senzatetto, uno che non fa nulla per sollecitare l'autonomia. Non vengono fornite soluzioni reali, e con tutte le difficoltà della vita di Stuart, in particolare quando sorgono gli aneddoti più inquietanti del suo abuso infantile, un senso di impotenza nell'attivismo pervade la biografia. Oltre al valore personale di Stuart nel "giorno in cui ho scoperto la violenza", anche lui si rende conto che non è stato un singolo atto o iniquità che lo ha portato al suo stato attuale, ma una serie continua di sfortuna, fallimenti sistemici e traumi medici che hanno portato lui per le strade.
04/21/2020
Freeborn Buehring

Ho adorato questo libro, anche se è difficile dire perché. Questo libro triste, divertente, strano, ha aperto gli occhi e brillantemente scritto, pieno di compassione, umanità e brutale onestà. Sembra una vendita dura - la biografia di un uomo disabile, alcolizzato, psicotico, tossicodipendente che a volte è palesemente sgradevole, ma ti esorto a provarlo.

Lascia una recensione per Stuart: Una vita all'indietro