Homepage > Psicologia > assistente sociale > Psicoanalisi > Relazionalità: dall'attaccamento all'intersoggettività Recensioni

Relazionalità: dall'attaccamento all'intersoggettività

Relationality: From Attachment to Intersubjectivity
Da Stephen A. Mitchell
Recensioni: 2 | Valutazione complessiva: Bene
Premiato
1
Bene
1
Media
0
Male
0
Terribile
0
Nel suo ultimo contributo alla letteratura psicoanalitica pubblicato due mesi prima della sua morte prematura il 21 dicembre 2000, il compianto Stephen A. Mitchell ha fornito una brillante sintesi delle idee correlate che si aggirano intorno e descrivono aspetti della matrice relazionale dell'esperienza umana . La relazionalità traccia l'emergere della prospettiva relazionale in

Recensioni

04/21/2020
Vernita Enix

OMG, il secondo miglior libro che abbia mai letto sulla psicologia. Una delle idee più interessanti che afferma è che il nostro processo primario (la mente inconscia) non distingue davvero tra sé e l'altro. Tutte le persone importanti della nostra vita (genitori, fratelli, migliori amici) sono in realtà considerate parte di noi stessi dal nostro processo primario. Quindi quando urli ai tuoi figli allo stesso modo in cui i tuoi genitori ti hanno urlato contro ... questo è perché la parte genitoriale della tua mente sta prendendo il sopravvento. I tuoi genitori ti stanno urlando contro i nipoti e così via. Sembra folle, ma leggilo: giuro che ha senso.
04/21/2020
Albric Pullus

Mitchell fa un ottimo lavoro nel tracciare le radici storiche della scuola relazionale. Questo volume serve da efficace schizzo dei pilastri centrali della prospettiva.

Lascia una recensione per Relazionalità: dall'attaccamento all'intersoggettività