Homepage > Finzione > Classics > Contemporaneo > Ordinary People Recensioni

Ordinary People

Da Judith Guest
Recensioni: 29 | Valutazione complessiva: Media
Premiato
14
Bene
6
Media
3
Male
5
Terribile
1
I Jarret sono una tipica famiglia americana. Calvin è un fornitore determinato e di successo e Beth una moglie organizzata ed efficiente. Avevano due figli, Conrad e Buck, ma ora ne hanno uno. In questo romanzo memorabile e commovente, Judith Guest porta il lettore nelle loro vite per condividere i loro equivoci, il dolore ... e la guarigione finale. (retro copertina)

Recensioni

04/21/2020
Evelina Hadwin

Una volta, quando la mia bambina di mezza età aveva 7 o 8 anni, stavo ascoltando il solito ritmo con cui recitava la sua preghiera serale, quando mi sorprese aggiungendo: “E Signore, per favore, ricorda, quando muoio, voglio tornare come un cavallo. Amen."

Ho riso ad alta voce alla sua preghiera, ma poi ho capito immediatamente il mio errore, quando ho visto la sua faccia. Non stava scherzando. Ho cambiato marcia velocemente, ho fatto sul serio e ho detto: “Tesoro. Non capisco Perché stai chiedendo a Dio di riportarti come un cavallo? ”

Ha risposto in maniera molto concreta: “Essere una persona è troppo difficile. Non voglio tornare come uno, la prossima volta. I cavalli sanno esattamente cosa fare e si divertono di più. "

Bene, come si può discutere con QUELLO? Lei ha ragione. Un cavallo mangia, beve, dorme, gioca, procrea, elimina, muore. La traiettoria del cavallo è governata dalla natura. Fa quello che fa un cavallo. Fine.

Ma umani. Sospiro. Gli esseri umani.

Gli umani si sono allontanati così tanto dalle caverne, il nostro codice per essere umani si è perso con noi. Sono finiti i giorni di "Ugga, Ugga, Ugga" e tutti i nostri problemi sono stati risolti. Sono finiti i giorni in cui il dito indicava la vagina, il pene, il fuoco, la carne, l'acqua, il bambino, il cielo, il terreno. Le nostre dita erano solite parlare, e scommetto che eravamo anche molto più felici. (Ho puntato il dito sul pene di Viggo Mortensen in una recensione precedente, e non è successo nulla. È come se tutta la magia fosse sparita.)

Ma sto divagando.

Ora, a seconda della cultura, della religione, della geografia e dello stato sociale ed economico, il codice può essere completamente diverso per ogni persona e, in ogni caso, il codice umano per TE è quasi impossibile e ti senti come se stessi fallendo ogni giorno.

Al giorno d'oggi il ruolo di nessuno è semplice. Neanche un bambino. Significava pensare alle buone maniere, rispettare quelli che erano più grandi di te, trattare ogni giorno come un pacchetto a sorpresa, in attesa di essere aperto. . . questa è l'era della perfezione, ragazzo. Tutti provano il loro più duro emotivo e fisico. Sforzati, sforzati. Correggere tutti i difetti.

Correggere tutti i difetti. Non mostrare debolezza.

Il codice per gli umani è così complicato ora, sembra basato su una ricerca della perfezione che cercavamo per noi stessi, ma non aveva basi realistiche. Abbiamo testi sacri che ci guidano ad essere buoni, ma nessuno di cui io sia a conoscenza che ci chiede di essere Dio.

Ma non siamo Divini, gente. E molti di noi stanno facendo un pessimo lavoro di essere perfetti, ma un eccellente lavoro di essere miserabili.

E nessun trucco o pantaloni da yoga o pulizia del succo o college privato o scuola di specializzazione o punteggi di dieta o test Paleo o coniuge attraente o figli intelligenti o garage per 2 auto o 4,000 piedi quadrati a casa o Mercedes Benz o capelli colorati o conto bancario o di successo la carriera o il culo magro o il sorriso perpetuo ci renderanno PERFETTI.

Perché siamo ORDINARI, gente.

E per quanto mi riguarda. . . prima torniamo alle grotte, meglio è.

Sono diretto al mio in questo momento. (Sto scambiando i miei pantaloni da yoga troppo costosi per le pelli di leopardo e il culo di Viggo M è meglio che mi stia aspettando).

Mia figlia dice che mi porterà sulla schiena.
04/21/2020
Marchelle Petersson

Una cosa è leggere un libro scritto da un autore contemporaneo, ambientato in un passato non troppo lontano; è un altro interamente da leggere uno scritto e completamente del suo tempo. Leggere Ordinary People significa attraversare lo specchio nel terreno dolcemente familiare della metà degli anni '1970. Ma sotto i dettagli della superficie c'è un libro di temi senza tempo e un'eleganza incomparabile.

Come fan del film del 1980, ho potuto sentire le voci degli attori mentre leggevo il dialogo: la furia acuta controllata di Mary Tyler Moore, la tristezza vellutata di Donald Sutherland, il sarcasmo nasale di Judd Hirsch. Ma la scrittura brillante e inalterata di Judith Guest dà vita ai personaggi in un modo più personale e profondo. Diventi un partecipante, non un osservatore passivo, nella vita interiore di una famiglia mentre cade a pezzi, lentamente, miseramente, inevitabilmente.

Avevo solo undici anni quando Ordinary People è apparso in forma cinematografica nell'autunno del 1980, ma lo ricordo come un evento culturale fondamentale dell'epoca, mano nella mano con Kramer contro Kramer, rilasciato alla fine del 1979. Era l'anno in cui i miei genitori divorziarono, mio ​​fratello maggiore si unì ai Marines, la crisi americana degli ostaggi in Iran dominò i titoli, abbiamo aspettato ore in fila al Cinerama per vedere L'impero colpisce ancora, Reagan è entrato in carica e John Lennon è stato assassinato - il mio auto politico e socio-culturale si è risvegliato all'inizio di un nuovo decennio nei miei anni di formazione e in un mondo che stava per entrare nell'ipervelo.

Non riesco a immaginare Ordinary People viene ancora letto nelle lezioni di inglese al liceo, ma più è un peccato. L'abbigliamento e la musica sono cambiati, ma la natura universale dell'adolescenza - il senso di isolamento, la scoperta dell'amore e il desiderio di essere accettati insieme alla lotta per affermare la propria individualità - rimane. Chiunque abbia sofferto di depressione, sia da adolescente che da adulto, camminerà al passo con Conrad Jarrett mentre lotta per tornare da una vita oscura a una con dimensione e speranza. E che dono avere il conflitto e la confusione convalidati dalla prosa onesta, dolorante e pulita di Guest.

04/21/2020
Montfort Dumphy

Boo!

Ma piuttosto interessante, no, come mi ritrovo a scegliere ultimamente romanzi di qualità inferiore che, in qualche modo, hanno generato adattamenti per il cinema migliore della media *! Qui - l'opera sottovalutata dell'artista altrimenti noto come lo sceneggiatore nella sua gloria.

Questo è bizzarro - i soggetti vengono conosciuti superficialmente, i loro problemi sono banali.

Non è una scelta saggia, gente. Ma, a quanto pare, la vaniglia può essere rapidamente trasformata in oro (per quanto riguarda l'Oscar).

* "Bridges of Madison County" e "Up in the Air", per citare il primo che mi viene in mente.
04/21/2020
Philps Bevel

Libri come la gente comune sono il motivo per cui ho letto.

Questo è il primo libro che ho letto sull'argomento della depressione che non è scritto come un libro di memorie, da un punto di vista clinico o con l'intenzione di "auto-aiuto". Detto questo, la gente comune era la versione più concisa della depressione che abbia mai visto. Judith Guest deve aver avuto un'esperienza diretta con la depressione, altrimenti deve uscire dalla mia testa. C'è così tanto conforto nel vedere le tue emozioni inspiegabili disposte prima di te pagina dopo pagina.

Sebbene la depressione di Conrad fosse molto probabilmente situazionale, era grave:

il sonno non è più solo una necessità, diventa il suo unico rifugio

-l'unico posto sicuro è nel suo letto

-utilizzando le routine come metodo per apparire e sentirsi normali

interferenza negativa costante

credendo che tutti lo odino tanto quanto lui odia se stesso e usando quella convinzione per giustificare il suo isolamento

- vedere un amico (che ha incontrato e poi cresciuto vicino a "The Bin") dopo che entrambi sono stati dimessi -> c'è una stranezza in quella situazione che è malsana

L'intera dinamica di una madre fredda e distante e del padre troppo preoccupato stava rinfrescando.

E Berger, se solo tutti potessero avere un dottore come lui! Alcune delle saggezze di Berger che si sono distinte per me:

"La depressione non è singhiozzare, piangere e dare sfogo, è una semplice e semplice riduzione del sentimento".

"... mondo pazzo o forse è solo la vista che ne abbiamo, guardando attraverso una crepa nella porta, non potendo mai vedere l'intera stanza, l'intera immagine."

"Continuo a dirti che il sentimento non è selettivo. Non puoi sentire dolore, non sentirai nient'altro."
04/21/2020
Sikata Lorello

Questo libro mi è stato consigliato per la prima volta dal mio insegnante di inglese al liceo. Avevo appena letto Lord of the Flies e lei poteva dire che avevo bisogno di qualcosa per ripristinare la mia fede nell'umanità. Questo libro è incredibile!

È uno sguardo sincero e sincero alla vita e a tutte le cose orribili che accadono. È anche un promemoria delle ragioni per cui vale ancora la pena vivere, nonostante quelle cose orribili.
04/21/2020
Zelma Kuzio

Libro molto psicologicamente astuto su una famiglia e cosa succede ai genitori e al figlio minore dopo la morte del figlio maggiore in un incidente. Buon sviluppo del personaggio ed è ben scritto. Mi sono davvero sentito per il figlio sopravvissuto e mi è piaciuto molto anche il suo psichiatra. (E questa è una delle poche volte in cui posso dire che, anche se ho letto prima il libro, mi è piaciuto anche il film.)
04/21/2020
Armallas Manzoli

Ieri sera, ho visto il film basato su Ordinary People ed è una di quelle situazioni in cui salta e si limita al di sopra del materiale originale. Evidenzia tutte le parti buone, mentre ritaglia i pezzi e che sono inventati e sciocchi. Redford meritava il suo Oscar come miglior regista per aver tirato fuori un grande film da un libro perfetto.

Nessun altro è stato disturbato dai genitori in questo libro? Cal è perfetto, il grande orfano che si è tirato su dal letame per raggiungere la grandezza. Ha ancora profondità, nonostante i suoi frammenti stucchevoli, e in tutto il romanzo, riesce a mostrare i suoi veri pensieri e le sue lotte umane. Beth non ha nulla al di sotto della superficie del libro. È solo un'arpia malvagia che osa avere una vita al di fuori della sua famiglia. Non sai che le donne dovrebbero identificarsi prima come moglie / madre, seconda figlia e terzo individuale? (Tutte le donne nel romanzo sono orribili toporagni o la seconda incarnazione della Vergine Maria.) Mary Tyler Moore, per la pura virtù del fatto che può agire come se nessuno fosse in grado di dare umanità a Beth che Guest non ha mai fatto. Sta reprimendo visibilmente tutto, combattendo lungo la strada. È molto più commovente dei pezzi del romanzo che le sono dedicati.

La parte di Conrad del libro è stata davvero fantastica, anche se è cresciuto con una madre piuttosto bidimensionale. L'ospite esplora i modi per mantenere l'umanità quando ha a che fare con una persona con malattia mentale e ha alcuni momenti piuttosto stellari lungo la strada. La sua vita è divertente, normale e complessa, nonostante abbia problemi. Spesso in condizioni di luce accesa, le persone depresse cessano di essere veramente persone, ed è rinfrescante che l'Ospite sia in grado di evitare di farlo. Il film ha anche interpretato Conrad incredibilmente bene, ed in entrambi è chiaro che la sua vita è al centro dell'attenzione.

La prosa degli ospiti mi ha anche infastidito un po 'per tutto il libro. Sembra che nulla sia stato davvero intenzionale. La lunghezza della frase di Haphazard senza flusso, e talvolta la scelta delle parole scomoda domina il suo messaggio importante. È anche un peccato, perché ogni tanto ha un momento che è potente e profondamente sentito, ma ci vuole un po 'di scavo per arrivarci. Ho amato l'epifania di Calvin verso la fine, dove Guest scrive: “La vita non è una serie di azioni patetiche e insignificanti. Alcuni di loro sono così lontani dall'essere patetici, così lontani dall'essere insignificanti da essere al di là della ragione ", ma ci è voluto un po 'prima che arrivasse qualcosa di originale invece di momenti in cui Guest pensa chiaramente di essere perspicace, ma in realtà sta solo ripetendo un'altra banalità.

Quindi, sentimenti contrastanti qui. Alcuni grandi momenti, alcuni sovrascritti e strani. Guarda invece il film. È molto più ben pensato e salta una buona parte delle parti che sono state fatte male.
04/21/2020
Adel Qin

“Life is not a series of pathetic, meaningles actions. Some of them are so far from pathetic, so far from meaningless as to be beyond reason, maybe beyond forgiveness.”
Questo è un libro meraviglioso su perdita, famiglia, perdono, depressione e lifeLo stile di scrittura di Judith Guest è stato molto sorprendente per me all'inizio perché racconta al presente (molto rischioso!). Ma più leggi più ti affezioni a Cal e Conrad e più vuoi che facciano funzionare tutto e sii felice, mi sono piaciuti molto entrambi, ma mi piacciono anche Jeannine e Berger, tuttavia per me è un mistero ... Non mi piaceva ma speravo che lei e Cal avrebbero superato i loro problemi. da ciò, sono molto soddisfatto del finale e del fatto che Conrad sia andato a vedere Lazenby alla fine. Speravo in tutto il libro che sarebbero tornati amici (non che non abbiano mai smesso di essere amici, ma sai cosa io significare.)

Citazioni preferite:

descrizione

“I sentimenti fanno paura e talvolta sono dolorosi. Ma se non riesci a sentire dolore, non c'è modo di provare nient'altro. Sei qui e sei vivo e non dirmi che non lo senti. Va bene, credimi. "

"La depressione non è singhiozzare, piangere e dare sfogo, è una semplice e semplice riduzione dei sentimenti. Le persone che tengono le labbra superiori rigide scoprono che è dannatamente difficile sorridere.. "
04/21/2020
Hong Schnoor

Questo libro, per me, rappresenta l'apice di un libro "letterario" che cattura la vita reale in modo così efficace da essere del tutto banale. Certo, rendere qualcosa di realistico e interessante è una delle maggiori sfide che ogni autore deve affrontare. Sia attraverso il dialogo, la struttura della trama o la motivazione, è sempre più difficile scrivere un libro che sembra allo stesso tempo "reale", ma che non cade nella valle "la verità è più strana della finzione" del tentato realismo.

Gli autori moderni di questa vena (cioè Salinger) diventano più un atto di 'differenza per dadaista' di daista che qualsiasi tipo di esplorazione concettuale. E come è stato notato molte volte, semplicemente agire in modo diverso non rende uno rivoluzionario. Spesso, è solo un segno di contrarietà egocentrica.
04/21/2020
Hodgkinson Majkowski

Ho letto questo libro probabilmente 40 anni fa e la sua storia mi perseguita ancora. Avrei bisogno di una rilettura per valutare la prosa, ecc., Ma per quanto riguarda l'impatto, questo libro ce l'ha.
04/21/2020
Valeta Tucholski

Vorrei avere la capacità di analizzare veramente ciò che fa la differenza tra un libro in cui l'autore cerca di manipolare le emozioni del lettore e ottiene solo un "hmm quanto triste" da me, o peggio, i miei occhi, e un libro che mi ha incollato le pagine e le lacrime che perdono. Tutto quello che so è che questo è uno di questi ultimi.

A dispetto di una storia che è quasi tutto il personaggio, con quasi tutti gli eventi che si svolgono all'interno dei pensieri e delle emozioni di quei personaggi e nelle loro interazioni tra loro, e nonostante un flusso di coscienza presente e intenso che potrebbe aver infastidito me nelle mani di un altro autore, questa storia di una famiglia che si frammenta e si riforma a seguito della tragedia mi ha assorbito completamente e mi ha rovesciato le emozioni. È passato un po 'di tempo da quando ho pianto molto per un libro ed è stato profondamente soddisfacente.

Brossura vintage, prelevata dagli scaffali delle mie biblioteche della mia biblioteca pubblica, dove mettono a disposizione del pubblico libri inutilizzabili donati e libri abbattuti in cambio di una donazione monetaria suggerita.

Ho letto questo per The 16 Tasks of the Festive Season, square 4: Temi di libri per il Giorno della Penitenza: leggi un libro che ha come protagonista un monaco, una suora, un pastore / predicatore o un prete, o in cui qualcuno sta lottando con sentimenti di colpa o con la loro coscienza (indipendentemente da cosa). In questo libro, i membri di una famiglia stanno lottando con il loro senso di colpa o hanno fallito la responsabilità a seguito della tragedia (visualizza spoiler)[(Truffa per sopravvivere quando il suo fratello più forte affogò e Cal in qualche modo fallendo suo figlio quando tentò il suicidio). (nascondi spoiler)]
04/21/2020
Cuda Pavesi

Questo è uno di quei libri tranquilli che non sembrano molto simili in superficie, ma c'è molto da fare sotto. È uno di quei libri che richiedono un pensiero per capirlo davvero.

Ordinary People alterna punti di vista tra un padre e un figlio. Il padre, Cal, è un avvocato di successo che sta tentando di riunire la sua famiglia che si sta disintegrando. Il figlio di Cal, il diciottenne Conrad, ha avuto a che fare con la depressione da quando suo fratello è annegato in un incidente in barca. Il tentativo di suicidio di Conrad e gli sforzi di suo padre per capirlo hanno messo a dura prova la famiglia. Questo libro è un classico moderno pubblicato per la prima volta nel 1976.

Posso capire perché questo libro è un classico e perché la gente lo adora. Ha uno dei più affascinanti ritratti di depressione e perfezionismo che io abbia mai incontrato. È stato spaventosamente facile vedere il mio io adolescente a Conrad. Molti dei suoi pensieri erano i miei pensieri quando avevo diciotto anni.

“Depression is not sobbing and crying and giving vent, it is plain and simple reduction of feeling.”

“Because it has always been easier to believe himself capable of evil than to accept evil in others.”

Sono molto contento del modo in cui l'autore ha gestito il personaggio di Conrad. È depresso, ma c'è di più per lui oltre alla sua depressione. Ha un meraviglioso senso dell'umorismo. Si preoccupa per le persone. Stabilisce obiettivi per se stesso e lavora duramente per raggiungerli. In realtà si sente come una persona reale e non solo uno stereotipo di un adolescente depresso. Apprezzo anche che suo padre si interessi alla sua vita e faccia uno sforzo per capirlo.

Conrad è un personaggio interessante, ma vorrei poterlo dire degli altri personaggi del libro. Questo è un romanzo breve con molti personaggi minori. Ci sono state alcune volte in cui ho faticato a ricordare chi fosse chi. Volevo che molti dei personaggi, in particolare la madre di Conrad, fossero più complessi. A volte sua madre si presenta come una strega indifferente, e non credo che il suo personaggio sia così semplice.

Lo stile di scrittura ha anche causato alcuni problemi per me. Il libro è scritto in stile flusso di coscienza. Alcune sezioni hanno pochissima punteggiatura. Questo non è il mio stile di scrittura preferito perché rallenta la mia lettura. Inoltre, dal momento che il lettore è così profondo nelle menti dei personaggi, lo stile a volte diventa un po 'disordinato. Ci sono alcuni posti in cui ricordo di aver pensato, Ok, sei arrabbiato. Stai soffrendo. Stai soffrendo. Capisco. Parla di qualcos'altro adesso.

Nonostante questi problemi, mi è davvero piaciuto Persone normali. So che lo rileggerò in futuro. Ho la sensazione che sia uno di quei libri che migliorano con la rilettura. Probabilmente ci sono molte cose sottili che mi sono perso alla prima lettura. E ho bisogno di rintracciare una copia del film. Tutti mi hanno detto che è fantastico.
04/21/2020
Avram Zietz

La gente comune di Judith Guest esplora un argomento così familiare per noi che non sono sicuro che riesca a rompere gli schemi. Ma a causa della mia ignoranza, forse è una delle scrittrici che ha messo gli schemi in primo luogo. Se questo è vero, dobbiamo ringraziare Ospite per aver raccontato la storia del dolore privato di tre membri di una famiglia, tutti cercando di affrontare la perdita di un altro membro in modi diversi. Il loro dolore è così disparato che separa i membri l'uno dall'altro, invece di riunirli quando ne hanno più bisogno.
La gente comune viene raccontata principalmente dal punto di vista di Conrad, un adolescente goffo e riservato che cerca di far fronte alla perdita del fratello maggiore. Sebbene non vengano forniti molti dettagli, riteniamo che l'isolamento e la colpa di Conrad siano abbastanza gravi da portarlo in riabilitazione per evitare di tentare il suicidio. Suo padre, Cal, un contabile ingenuo alla mano, è terribilmente preoccupato per suo figlio e fa seri tentativi di "raggiungere", anche se finisce per soffocare Conrad più che liberarlo. La madre, Beth, è uno di quei personaggi verso cui provi compassione e odio. Il suo dolore è così privato e complesso che affronta prendendo un numero illimitato di ferie e ferie, incolpando la sua famiglia per "cambiare" e diventare così "triste".
La prosa dell'ospite è semplice, basata internamente sulle emozioni private dei personaggi, e cattura bene l'etica della periferia dell'alta borghesia, che tende a creare un clima in cui il dolore è un fallimento, e non c'è niente che qualche giro di golf al country club abbia vinto ' alleviare. Mentre i temi sono un po 'cliché, abbiamo anche bisogno di queste storie, per ricordarci le profondità della fragilità umana, la rottura e il profondo desiderio di connessione.
04/21/2020
Bottali Wertheimer

Conrad è colpito dal dolore dopo che suo fratello è stato ucciso in un incidente in barca e cerca di suicidarsi. Dopo essere finalmente uscito dall'ospedale dove è stato sottoposto a terapia d'urto e droghe, vuole parlare di suo fratello, ma mentre suo padre concorda sul fatto che deve ancora parlare di Buck, sua madre non ne sentirà parlare e vorrebbe piuttosto fingere che tutto sia normale piuttosto che parlare a suo figlio del suo dolore.

Questo libro è davvero eccezionale, persino migliore del film del 1980. È stato triste però, il finale è stato sicuramente inaspettato.
04/21/2020
Schofield Liechty

Ottimo libro Questa è stata una delle letture più deprimenti di tutti i tempi per me. (prima leggilo da bambino). Ma è ancora un libro meraviglioso. Anche il film è stato incredibile.
04/21/2020
Annabell Venhorst

Per i primi due capitoli di questo libro, sono stato piuttosto confuso e respinto dallo stile di scrittura di Guest. Il flusso di coscienza ESTREMA è piuttosto invadente per i lettori alle prime armi. Le lotte di Conrad e Calvin, sebbene rivelate a ritmi scrupolosamente lenti, mi fecero leggere sempre di più. Quando il vero conflitto è effettivamente rivelato, c'è stato un nuovo apprezzamento per lo stile di scrittura. Tutto quello che volevo era PIÙ nelle teste dei personaggi! Alla fine del libro, non solo mi sono sentito parente di Con e Cal, ma mi sono sentito collegato a loro. Il finale, sebbene un po 'volitivo, mi ha lasciato desiderare di leggerlo di nuovo solo per poter rivisitare i personaggi.

Metto in guardia i potenziali lettori di contenuti discutibili, il linguaggio e le scene specifiche creano un tono molto oscuro. Bisogna tenere a mente le orribili, orribili lotte che i personaggi stanno attraversando.
04/21/2020
Edee Thomlinson

Stava cercando i titoli del Longlist del Women's Prize 2019 ed era di Diana Evans Ordinary People ---- e mi sono ricordato che sono così dannatamente vecchio che ho letto quello di Judith Guest nel 1976.
04/21/2020
Edvard Holroyd

"Quindi la verità è in un certo senso di permanenza che preme attorno al momento. Sono persone normali, dopo tutto."

***

Questo è uno di quei libri che si fa strada nel centro del tuo cuore e rimane lì per sempre. 'Ordinary People' di Judith Guest è la storia di una famiglia devastata dalla tragedia, irrevocabilmente modificata dopo una perdita devastante e incomprensibile. La rappresentazione del dolore da parte dell'ospite - della sua vastità, permanenza e finalità - è una delle più reali e potenti che abbia mai incontrato nella narrativa. "Quindi, come fa un cristiano a gestire il dolore? Non ha niente a che fare; lo sa molto. C'è semplicemente il testardo, insensato, che si aggrappa fino a quando non sarà finito. Fino a quando non lo attraverserai. Ma qualcosa è accaduto nel processo. vecchie definizioni, i puliti, sapienti piccioni sono scomparsi. Altrimenti non si applicano più ", scrive Guest. "Oggi è il compleanno di Jordan. Oggi avrebbe avuto diciannove anni."

Mentre questo romanzo è semplice nella sua costruzione - raccontato attraverso prospettive alternate tra padre e figlio - il suo potere è straordinario. "Siamo una famiglia, no? E una famiglia si gira verso se stessa per il dolore, non va in direzioni separate, si separa. Come l'inferno non lo fa. Il dolore è brutto. È isolante. È non qualcosa da condividere con gli altri, è qualcosa di cui aver paura, di cui sbarazzarsi e in fretta. " Mentre la trama si svolge, il lettore diventa parte di questa famiglia. Parte del suo dolore, depressione, ansia, risentimento, discordia e paura. Sentiamo la profondità del loro dolore mentre questa famiglia di quattro persone diventa una famiglia di tre persone. Sentiamo la colpa di Conrad per la tragica perdita di suo fratello; ci viene data un'idea di come una tragedia di questa portata possa distruggere un matrimonio; e sentiamo il palpabile desiderio della famiglia di tornare al passato, al tempo in cui Jordan era vivo e Conrad era felice e il matrimonio di Calvin e Beth era più semplice. E vediamo, fin troppo chiaramente, come la risposta di ognuno alla tragedia è diversa.

Dove questo libro ha successo meravigliosamente è nella sua rappresentazione molto reale del dolore e del dolore di provare le molte emozioni che lo accompagnano. L'autore incarna magnificamente il dolore, con le immagini della "luna omicida color piombo. Il cielo, mosso da fili di nuvole. L'acqua nera tutt'intorno, indistinguibile dal cielo nero". Mentre Conrad riflette il giorno in cui perse suo fratello, dice: "Quella era la punizione ... essere costretto a sottomettersi più e più volte a una replica senza speranza di quel giorno a ciò che avrebbe potuto essere fatto per rendere la somma diversa. Nulla Questa è la natura dell'inferno, che non può essere cambiata, che è inalterabile e per sempre. " (Il mio cuore!)

Forse il più bello, sebbene doloroso, è il promemoria che dobbiamo sentire le cose anche se ci feriscono profondamente. Dopotutto, se sopprimiamo la nostra capacità di provare dolore, impediamo anche a noi stessi di provare gioia. Lo psichiatra di Conrad, il dottor Berger gli dice, "'Forse prima o poi devi sentirti schifoso per sentirti meglio. Un piccolo consiglio, ragazzino, riguardo al sentimento. Non pensarci troppo. E non aspettarti sempre che solleticare. "" Più tardi, avverte, "'Ascolta, quello che è successo stamattina è che ti sei fatto sentire un po' di dolore. La sensazione non è selettiva, continuo a dirtelo. Non puoi sentire dolore, non sentirai nient'altro. E il mondo è pieno di dolore. Anche gioia. Malvagità. Bontà. Orrore e amore. Lo chiami, è lì. Sigillare te stesso sta solo attraversando i movimenti, capito? "

Questo libro ci ricorda a tutti che una vita piena è piena di imperfezione, tragedia, dolore e sofferenza. Ma se ci permettiamo di sentire il dolore, apriamo spazio nei nostri cuori per la gioia e per l'amore. La mia unica critica a questo libro (se puoi anche chiamarlo così) è che vorrei che fosse stato più lungo e dettagliato, in particolare con il personaggio di Beth. E volevo sapere di più sulla Giordania e sulla sua vita prima dell'incidente. Ma la sua brevità e semplicità stilistica non toglie nulla alla sua gravitas. È una storia bellissima e profondamente emotiva che arriva al cuore di ciò che significa essere umani. 4.5 stelle + un ardente desiderio di vedere il film. Subito.
04/21/2020
Aurel Brunnemer

Un libro profondamente commovente e riflessivo, Ordinary People dà uno sguardo brutalmente da vicino alla dinamica di una famiglia che affronta la perdita di un bambino. Conrad, il bambino sopravvissuto, lotta con la propria colpa e il proprio dolore tentando il suicidio ed è appena stato rilasciato da un ospedale psichiatrico. Calvin, il padre, si sente come se avesse deluso entrambi i suoi figli e all'improvviso si sente incerto, esultando dal fatto di non poter proteggere la propria famiglia. Infine, c'è Beth, la madre, che sembra fredda e distaccata persino dalla sua stessa famiglia, e lotta per scoprire che non tutto al mondo può essere perfetto e controllato.

Riccamente disegnato, ognuno dei personaggi sembra reale e tridimensionale. Conrad è a sua volta un normale, sarcastico adolescente, un bambino sconvolto dalla colpa per la morte di suo fratello e un bambino che non sa dove andare da qui. Il suo dolore può essere straziante da leggere, ma i suoi tentativi disperati di nasconderlo lo sono ancora di più.

Il vero punto di forza, tuttavia, è la madre. Beth è un mistero. Mentre l'ospite spesso ci permette di entrare nelle menti di Cal e Conrad, non vediamo mai i pensieri di Beth, ma solo le percezioni filtrate attraverso gli occhi degli altri. Gran parte di ciò che fa dipende dall'interpretazione: è davvero fredda ed emotivamente non disponibile? O sta semplicemente affrontando la sua perdita cercando di ignorarla?

Se hai mai visto il film altrettanto sorprendente diretto da Robert Redford e interpretato da Timothy Hutton, scoprirai che la sceneggiatura è stata straordinariamente fedele al libro; tuttavia, direi che il libro ha leggermente più sfumature rispetto al personaggio di Beth.

Normalmente non sono un fan dei drammi, ma questo è uno dei libri più avvincenti, spesso dolorosi che abbia mai letto.
04/21/2020
Thilde Lamothe

Pensavo che questo libro avrebbe riportato quel sentimento ansioso proprio sotto lo sterno che odio, ma ebbe l'effetto opposto. Mi ha calmato e mi ha insegnato alcune cose: come dovrei essere più aperto, come dovrei solo provare ad accettare le persone per come sono e non cercare di trasformarle in come voglio che siano ma, cosa più importante, che tu possa perditi ancora in questo mondo e resisti perché non sei solo; quando succede qualcosa interiorizziamo e viviamo con il dolore, ma ci sono altri che condividono il dolore o hanno esperienze simili e aiuta un po 'a guardarsi l'un l'altro, che si tratti di amici o familiari. E solo perché sei considerato un adulto non significa che sai cosa stai facendo, quindi non dare per scontati gli anziani perché a volte sono persi tanto quanto te e hanno bisogno di prendersi cura di loro.
04/21/2020
Jewell Rief

Ho letto questo libro per la mia lettura estiva e anche se è stato divertente, mi ci è voluto così tanto tempo per leggerlo. Una volta messo giù, mi ci è voluto molto per raccoglierlo e leggere di più. Questo non sta davvero dicendo che fosse un male ... perché non lo era. Una volta che l'ho preso e l'ho letto, mi è piaciuto ed è andato molto più veloce. Tuttavia, ripensandoci, non c'è davvero trama. È principalmente solo crescita e sviluppo del personaggio. Non ha avuto molto successo, ma era ancora 260 pagine. Sento che questo avrebbe potuto essere forse la metà di quella lunghezza e sarebbe stato molto meglio. Questo non mi ha lasciato senza fiato ma è stata una lettura interessante che mi ha incuriosito nel vedere dove sono finiti i nostri personaggi.
04/21/2020
Rauscher Bhan

Ho letto questo libro durante il liceo. L'ho raccolto dallo scaffale di mio padre. Da allora l'ho riletto e rimane uno dei miei preferiti. Le dinamiche familiari e di amicizia sono buone e i temi sono universali. C'è un'onestà in tutte le cose (inclusi depressione e relazioni) che il personaggio principale ha che colpisce. Potrebbe essere una lettura abbastanza veloce, ma sento ancora che abbia un impatto duraturo.

Il film, per me, non è buono come il libro. Quasi sempre lo penso però. . .
04/21/2020
Purpura Geake

Libro accurato sull'essere un bambino perfezionista. Il fatto che sia scritto al tempo presente mi ha sconcertato un po ', ma una volta entrato in esso ho immediatamente iniziato a contrassegnare il testo con le virgolette che mi piacevano. I personaggi erano ben sviluppati e il libro è paragonabile e senza tempo.
04/21/2020
Roque Roupe

Solo quando ho finito per la maggior parte con "Ordinary People" ho capito che era il primo romanzo di Judith Guest. Descrive dinamiche familiari disfunzionali e malattie mentali con tale chiarezza e compassione. Il suo sviluppo del personaggio è sorprendente per questo corto di un libro e la sua scrittura era descrittiva e toccante, senza essere fiorita. Con alcune eccezioni alla musica e ai modelli di auto, questo libro è attuale come nel 1976.

L'ospite scrive del dolore come se qualcuno avesse attraversato il processo del lutto: la rabbia, la confusione, il dispiacere, la colpa e tutte le altre emozioni confuse nel caos turbinante che è la vita dopo la morte di qualcuno che ami. Per quanto innescante fosse questo libro, non riuscivo a smettere di pensare ai Jarret e se avrebbero superato i momenti più atroci della loro vita. Contrasta la ginnastica mentale necessaria per genitori e figli per elaborare le loro esperienze di dolore e sostanzialmente inchioda entrambe le prospettive.

Ho adorato questo libro. E ho bisogno di andare a vedere il film.
04/21/2020
Justis Agbisit

Ho trovato difficile entrare nel libro, penso che ciò fosse dovuto alla prospettiva mutevole, a volte mi ci è voluto del tempo per capire con quale dei due hai letto insieme. Mi aspettavo che i genitori si sarebbero separati prima nella storia. Per quanto mi riguarda, non mi piaceva il garne del libro, per la storia che era. Hai avuto il cambiamento di sentire con i personaggi. Per una storia più breve come questa, mi sembra che qualcosa debba accadere prima nel libro, ci è voluto molto tempo prima che accadesse qualcosa, quasi alla fine. Accanto a questo non si ottiene mai l'immagine totalmente chiara di ciò che è accaduto ai contro fratelli, si ottengono solo pezzi, penso che la scrittrice avrebbe potuto ottenere di più dalla storia quando ha lavorato di più sulla storia del fratello.
04/21/2020
Matland Blackstone

Mi sono davvero connesso con questo libro. È stato emozionante su molti livelli e porta una prospettiva molto realistica all'amore, alla perdita e all'ansia. Nonostante questi temi pesanti, riesce anche a sollevare, e mi sembra una coperta accogliente. Sapevo che il libro sarebbe stato migliore del film, quindi volevo iniziare qui prima.
04/21/2020
Sewel Alepin

(2.5) Anche se ben scritto, il tempo inesorabile trascorso a Conrad e la testa di suo padre mi ha portato addosso dopo circa metà del libro. Inoltre, la mamma è un personaggio importante e viene data alla deriva. Sarebbe stato più equilibrato se avessimo sentito anche da lei. Questo è un buon libro da leggere per farsi un'idea della malattia mentale e dei suoi effetti sulle famiglie.
04/21/2020
Bowman Cullinan

Recensione anche pubblicata Recensioni su Diamond & Coal Book

Molte persone sono depresse da questo libro. Non sono uno di loro e ogni volta che lo rileggo (finora circa sei volte!) Mi rallegra e mi ricorda che nulla è mai così brutto come penso possa essere. Questo libro parla della famiglia Jarret, mamma e papà con i loro due figli. Quando li incontriamo gli resta solo un figlio, Conrad, il figlio minore che è stato recentemente rilasciato da un ospedale dopo aver tentato il suicidio. Il libro è principalmente dal punto di vista di Conrad, con alcuni scorci nella testa di suo padre, Calvin. Tutta la famiglia sta affrontando la perdita del fratello Buck di Con, ma invece di metterli insieme li sta facendo a pezzi. Sua madre, Beth, sta usando ogni scusa per sfuggire alla situazione con ferie costanti e negando che qualcosa non va. Una scena in particolare alla festa di un amico, in cui Cal è leggermente ubriaca e discute della terapia di Con, la fa davvero arrabbiare. Non condividi affari personali con nessuno tranne che con la famiglia e anche allora non ne parli MAI, questo è il suo motto di vita. Senza perfezione nella sua vita, Beth non ha idea di chi dare la colpa. Si ritira e dura quando Cal cerca di mostrare qualsiasi interesse per Conrad, che sta cercando di rimettere insieme la sua vita in un modo che lo rende felice. Il che non è necessariamente il modo in cui sua madre vuole le cose. Forse Cal non è così felice come ha sempre pensato. Quando inizia a guardare oltre il valore nominale delle cose nella sua vita, la situazione alla fine si combatte.

Ho adorato questo libro. È uno sguardo onesto e duro sulle conseguenze delle tragedie della vita reale e su come cambiano le persone per sempre. La dinamica familiare è estremamente interessante, con Cal che è il genitore leggermente in bilico, interessato e Beth che sembra desiderare che Conrad scompaia. Conrad stesso è incasinato e dopo aver vissuto tutta la sua vita in una casa che ha mantenuto la repressione e la perfezione come sovrani (* tosse * * Beth * * tosse *) questa è davvero la prima volta che ha mai affrontato le sue emozioni in modo onesto. Mentre lavora attraverso il senso di colpa, la tristezza e la rabbia della morte di Buck, così come il suo rapporto contorto con sua madre, lo vediamo crescere come persona e imparare a lasciarsi essere felice. Anche la trasformazione di Cal dall'avvocato avvocato di mezza età con la moglie perfetta e il buon figlio è qualcosa da vedere. Comincia davvero a togliersi gli occhiali color rosa e sentire cosa sta succedendo nella sua vita. Il dottor Berger, il terapista non così pazzo che Con (e, più tardi, Cal) vanno a vedere è ciò che rende il libro secondo me. Il suo ovvio appagamento con la vita e gli alti e bassi è l'opposto di Cal e Con, ma li equilibra. La fine di questo libro, riconnettersi con il vecchio mentre si passa al nuovo è bellissima. Uno dei miei libri preferiti che ho letto da quando sono diventato adulto. Super contento che quando avevo diciannove anni la copertina e la sinossi mi abbiano incuriosito. Romanzo generale ed estremamente ben scritto, un pezzo del personaggio che è nello stile di The Virgin Suicides o White Oleander. È qualcosa di speciale che si presenta ogni tanto. Incoraggio vivamente chiunque non l'abbia letto a provarlo! Non te ne pentirai! :)

VERDETTO: 5 / 5 stelle

** Non sono stati scambiati soldi o favori per questa recensione. Questo libro è ora disponibile nei negozi, online o forse anche nella tua biblioteca locale. **
04/21/2020
Laud Vitiello

I sentimenti! Ho conosciuto questo libro dopo aver visto il suo film. Mi sono innamorato del film, quindi ovviamente ho dovuto leggere il libro.
È da un po 'che non leggo un romanzo contemporaneo davvero buono e ben scritto.

È realistico e descrive parte di ciò che alcuni malati di PTSD attraversano e come una madre fredda e distante può peggiorare le cose. Penso sempre che Freud avesse ragione, principalmente a causa della madre.

Se stai cercando una storia di vita realistica drammatica ben scritta, allora questo romanzo è la scelta giusta per te.

Lascia una recensione per Ordinary People