Homepage > Orrore > Storie brevi > WeirdFiction > Il cartello giallo e altre storie Recensioni

Il cartello giallo e altre storie

The Yellow Sign & Other Stories
Da Robert W. Chambers San Jos,
Recensioni: 26 | Valutazione complessiva: Media
Premiato
3
Bene
8
Media
10
Male
4
Terribile
1
Questa vasta collezione riunisce l'intero corpo delle strane opere di fiction di Robert W. Chambers, incluso materiale non stampato dal 1890. Chambers è un autore di riferimento nel campo della letteratura horror grazie alla sua collezione King in Yellow. Quel libro rappresenta solo una piccola parte del suo strano lavoro di finzione, e queste storie sono intimamente connesse con

Recensioni

04/21/2020
Lopes Letsinger

Per me, c'è sempre stato qualcosa che manca in Lovecraft, qualcosa che mi rende difficile connettermi direttamente con le sue storie, personalmente. Nel leggere Chambers, ho trovato un elemento umano distinto al quale Lovecraft non sembra avvicinarsi.

L'orrore alieno di Lovecraft è spesso un po ' pure alieno - anche i suoi protagonisti "quotidiani" tendono ad essere piuttosto strani, anche poco simpatici. Ma poi Lovecraft è stato un solitario per tutta la vita e chiuso, quindi forse non dovrei essere sorpreso dal fatto che i suoi racconti debbano meno alle debolezze dell'umanità che alla sua antipatia per i frutti di mare: la preferenza culinaria più influente in tutta la letteratura.

L'abbraccio del romantico da parte di Chamber dà alle sue storie un nucleo di sentimento emotivo che ci lega al mondo. Inoltre dà profondità alle sue storie, invitandoci a confrontare e contrastare gli alti e bassi dell'esperienza umana. Non siamo sempre bombardati dallo strano e terrificante, invece, ci è permesso di riprendere fiato, di calmarci, anche se la prossima rivelazione dell'orrore lo strapperà di nuovo. L'azione è definita dalle pause che la stimolano e la potenza della tempesta sembra maggiore nella comprensione di una calma.

Ma le indulgenze romantiche negligenti di Chamber sono state anche la sua rovina, portando a una serie interminabile di drammi parlamentari più venduti che, oggi, sono completamente dimenticati. Molti fan dell'orrore si sono lamentati per aver lasciato il genere alle spalle, poiché le poche uscite raccolte qui mostrano tale promessa.

Il nostro editore, il famoso mito accademico ST Joshi, compila quasi tutte le strane storie di Chamber, molte delle quali non sono state stampate in un secolo. La sua introduzione è ben ponderata e istruttiva, elogia i punti di forza di Chambers e sospira per il suo degrado. L'illustrazione di copertina è tutta sbagliata, ma per il resto l'edizione è ben accolta.

Sebbene alcune di questa raccolta inizino a mostrare i segni dei fallimenti di Chambers (i suoi temi ripetitivi, la sua crescente dipendenza dall'umorismo leggero), ci sono anche storie che si distinguono facilmente nel canone horror americano accanto a Poe, Lovecraft e talvolta si avvicinano a Bierce .

Chambers prende ispirazione da molti scrittori nelle sue storie, tra cui H. Rider Haggard e Poe, ma è stato chiaramente toccato da Bierce, la cui attenta padronanza della prosa e dello stile ha incendiato il genere molto più del thesaurus di Poe. La prosa di Chambers è rispettabile e il suo dialogo vivace, soprattutto in confronto alla preferenza di Lovecraft per la narrazione onnisciente.

C'è anche umorismo e ingegno in Chambers, e in parte abbastanza bene. In alcune occasioni tende alla farsa (principalmente le sue storie raccolte di varie avventure nella criptozoologia) ma in altri casi dà un tocco umano vitale ai racconti di un terrore incomprensibile. Se vogliamo credere a Lovecraft, Chambers ha preso la scrittura troppo alla leggera, essendo "dotato del cervello e dell'educazione giusti, ma completamente fuori dall'abitudine di usarli"; se dobbiamo credere Illuminatus! , Chambers si ritirò in una leggera storia d'amore per sfuggire a un oscuro orrore che minacciava di consumarlo.

Si è speso molto fiato nel desiderare che avesse scritto più libri da abbinare alle sue storie migliori e meno dell'altro tipo, ma questo lamento è piuttosto sciocco, per me. Chambers scrisse una dozzina di racconti adatti all'inclusione in qualsiasi raccolta di orrore raffinato, che è una dozzina in più di tutti gli eredi nominati da Lovecraft prodotti, messi insieme.
04/21/2020
Ruthi Aigner

3.75 stelle, arrotondate per eccesso a un 4.

sicuramente un custode!

L'altra sera ho preso Joseph Pulver Una stagione a Carcosa, leggi l'introduzione e poi ho capito che non avrei mai letto Il re in giallo, quindi probabilmente avrei dovuto trattenermi un po '. Quando ho finito The Yellow Sign e Other Stories, mi sono reso conto che Chambers aveva preso in prestito Carcosa dal racconto di Ambrose Bierce "An Inhabitant of Carcosa", quindi credo di dover andare a prendere L'eredità di Hastur per leggerlo. Fortunatamente per me, possiedo MOLTI volumi di Chaosium.

Questa collezione è un miscuglio di racconti che vanno dal meglio dello strano al misterioso al divertimento e poi decisamente sciocco. Il primo gruppo di storie in questo libro proviene da Chambers Il Re in Giallo, con "The Repairer of Reputations", "The Mask", "In the Court of the Dragon", "The Yellow Sign", "The Demoiselle d'Ys" e "The Prophet's Paradise". Per i miei soldi, queste sono le storie migliori e le più intensamente strane dell'intero libro, e come va strano, semplicemente non migliorano. In effetti, queste sono alcune delle migliori storie strane che abbia mai letto, punto. Le storie successive, "The Maker of Moons" e "A Pleasant Evening", provengono da Il creatore di lune, altri due pezzi eccellenti con un'intensità forse un po 'meno strana rispetto alle selezioni King in Yellow, ma sono comunque garantiti per provocare un senso di terrore. "The Maker of Moons" vince il mio voto in questa sezione, anche se i toni soprannaturali di "A Pleasant Evening" hanno avuto un finale scioccante che mi ha davvero afferrato. Il terzo gruppo di storie è Il mistero della scelta; una delle migliori storie soprannaturali che abbia mai letto si trova qui in "The Messenger". Ho adorato anche l'ambiente di Bretonne e le leggende e le usanze locali che hanno molto a che fare con le storie di questa sezione. Alla ricerca dell'ignoto presenta storie incentrate sulle gesta di uno zoologo che viene inviato qua e là per verificare scoperte di strane creature. Mentre queste storie sono molto divertenti, cadono meno nella strana zona e più nel regno della strana avventura. Saltando avanti, lo stesso vale per Polizia!!!, anche se con l'eccezione di "The Third Eye", questi piccoli episodi hanno un aspetto più sdolcinato, soprattutto in "The Immortal", con un gruppo di donne che vivono nelle caverne nelle Everglades della Florida. I capitoli estratti da Il tracer delle persone perdute mi ha lasciato desiderare di più, soprattutto se il resto di quel particolare libro è buono è ciò che è qui. I geroglifici egiziani, una camera nascosta e un corpo trasformato in polvere hanno avuto tutta la mia attenzione per tutta la durata. Finalmente, L'albero del cielo è un discreto mix di storie che gestiscono un buon spettro che va da strano a inquietante, ma non da nessuna parte vicino alla qualità di Il Re in Giallo or Il creatore di lune.

Mentre tutte queste storie raccolte potrebbero non essere adatte a tutti, come è generalmente il caso di un'antologia, vale la pena leggere il libro se non altro, i capitoli dei primi tre titoli Il Re in Giallo, Il creatore di lune e Il mistero della scelta. Anche le storie di cattivo gusto potrebbero far ridere ogni tanto, ma sicuramente, se ti piacciono gli strani romanzi e non hai ancora letto il lavoro di Chambers, davvero non vuoi perderti questo libro. Ora posso andare a leggere Una stagione a Carcosa e non sentirmi stupido o che mi mancava qualcosa!
04/21/2020
Derril Bolejack

Solo con il segno giallo ero più che pronto a dare queste 5 stelle, ma il resto di questo libro, ad eccezione di altre due o tre storie, è assolutamente CRAP!
La storia della ragazza delle caverne non è divertente. "Lascia la corda in un professore e digli che sono ragazze delle caverne." Non sa che sono davvero attrici.

Ma lo lasceremo passare come afferma continuamente il professor Smith ... AHEM! tra mani piccole, occhi azzurri, bella donna, vita piccola, ecc.
04/21/2020
Benjamen Vikaram

L'antica città di Carcosa è apparsa per la prima volta nel racconto di Ambrose Bierce "An Inhabitant of Carcosa". Grazie a Cthulhu Mythos, tuttavia, la maggior parte dei fan dell'horror lo sanno come l'ambientazione di una commedia immaginaria chiamata Il Re in Giallo, che fa impazzire i suoi lettori ed è in qualche modo collegato a un'entità soprannaturale con lo stesso nome. C'è anche un simbolo noto come "Segno giallo", che lascia lo spettatore sensibile a una sorta di controllo mentale. Secondo le opere del successore di HP Lovecraft August Derleth, le prestazioni effettive di Il Re in Giallo è un rituale di convocazione per il Grande Vecchio Hastur.

Lovecraft e Derleth potrebbero avergli dato un posto di rilievo nel loro universo immaginario, ma Il Re in Giallo è in realtà l'invenzione di Robert W. Chambers (1865-1933) e il titolo di un libro dei suoi racconti. Da quando sono diventato un Lovecraft, fan sono stato ispirato ad acquistare una copia di The Yellow Sign and Other Stories: The Complete Weird Tales of Robert W. Chambers dalla linea Fiction di Call of Cthulhu di Chaosium. Secondo l'introduzione del redattore ST Joshi, Chambers è stato uno scrittore brillante, ma la sua vasta opera consiste in gran parte in romanzi sentimentali e formali pubblicati per un rapido guadagno. In effetti, l'opinione iniziale di Lovecraft su Chambers, dopo averlo scoperto nel 1927, era che "è come Robert Hughes e alcuni altri Titani caduti - equipaggiato con il cervello e l'educazione giusti, ma completamente fuori dall'abitudine di usarli". Dopo aver quasi finito questa selezione delle sue opere horror e fantasy, vengo via con l'impressione che Chambers possa aver scritto "una pletora di spazzatura spaventosamente nel suo campo di applicazione" (come dice Joshi, amorevolmente) ma era anche capace di molto, molto di più .

In entrambe Il Re in Giallo e altrove, Robert Chambers sembra attingere al movimento contemporaneo del simbolismo nell'arte e nella letteratura, che ha enfatizzato la spiritualità, le allusioni oscure e intensamente personali e l'uso della metafora sulla comunicazione diretta. (Alla fine questo si è evoluto in Surrealismo.) Tenendo presente ciò, mi chiedo quanto Il Re in Giallo le storie sono pensate per essere lette come semplici racconti horror. "The Demoiselle d'Ys" e "The Prophets 'Paradise" sembrano del tutto estranei al resto del libro. La prima è una storia romantica di un uomo che è tornato nella Francia medievale e si è innamorato o ha sognato tutto dopo essersi addormentato nella natura selvaggia delle brughiere bretoni. L'unico collegamento è che uno dei servitori della demoiselle si chiama Hastur, di cui parla anche la storia di "The Yellow Sign" in relazione al Il Re in Giallo giocare.

"Il paradiso dei profeti" è ancora più misterioso, costituito interamente da poesie in prosa. "The Green Room" probabilmente ricorda la Pallid Mask ma le altre storie sono semplicemente ambigue. Complessivamente, Il Re in Giallo suggerisce un'associazione intuitiva lasciata al singolo lettore per discernere. Se questo è il caso, allora Chambers potrebbe anche chiederci di prendere in considerazione la percezione del sogno, sia sotto forma di illusione che allucinazioni (in particolare in "Il riparatore di reputazione", che potrebbe essere collegato a "The Demoiselle d'Ys "come un'altra fantasia presa per la realtà materiale) o come un altro modo per comprendere e coinvolgere gli eventi della nostra vita.

Questa qualità proto-surreale e ultraterrena è rafforzata dall'abile evocazione dell'atmosfera di Chambers. Le storie di Il Re in Giallo dispiegarsi con l'aria languida e decadente di palazzi opulenti, l'antichità parigina e l'isolamento e la libertà creativa dello studio dell'artista. Ad eccezione della serie comica "Alla ricerca dell'ignoto", la maggior parte delle storie raccolte in questo volume risplende di immagini altrettanto ricche e sensuali di arte, natura e bellezza. È in stile letterario in stile letterario, con le sue curve distintive e le sue forme organiche e l'enfasi olistica sulla pervasività dell'arte nella vita di tutti i giorni. Combinato con l'aspetto speculativo della finzione di Chambers, il risultato, nella migliore delle ipotesi, è un pezzo ossessivo e mistico come "Il mistero della scelta: l'ombra bianca", su un giovane che giace in coma e sogna una vita idilliaca nella campagna francese, sapendo nel frattempo che questa felicità presto finirà.

Sfortunatamente, ST Joshi afferma che l'influenza di Robert W. Chambers sulle successive generazioni di scrittori non sembra estendersi oltre un prestito di nomi. La visione cosmica di Lovecraft, sostiene Joshi, e per non parlare del suo interesse per i sogni e l'uso del concetto Brown Note (con il Necronomicon), erano già ben consolidati prima di leggere Chambers nel 1927. In effetti, la dipendenza di Lovecraft dalla prosa surriscaldata, mostri flettenti e accenni di orrore sconvolgente sono molto lontani dall'eleganza oscura che infonde le migliori opere speculative di Chambers. Il Re in Giallo le storie sono ancora molto utili per ogni fan di Lovecraft incuriosito dalle allusioni fatte a Hastur e al cartello giallo in "Il sussurro nell'oscurità" e nel saggio di Lovecraft "L'orrore soprannaturale nella letteratura". Ma l'appello di Chambers va ben oltre una singola nicchia. Mentre la borsa di studio su Chambers potrebbe essere frustrata dalle sue montagne di folle follia, credo che questa edizione di Chaosium coinvolgerà chiunque cerchi qualcosa di meraviglioso e insolito e abbia bisogno di un pubblico più vasto. Fortemente raccomandato.

(Va notato che, a differenza di HP Lovecraft, Robert W. Chambers in realtà include personaggi femminili! Molti di loro! Ahimè, questo non significa che sia particolarmente bravo in questo. Per tutto il suo talento altrove, ogni singola ultima donna in ogni singolo L'ultima storia di Chambers ha la stessa identica personalità dolce ed eterea che contrasta in modo sconcertante con la diversità dei calchi maschili: in altre parole, le donne sono come pezzi decorativi e oggetti d'arte, di cui Nouveau amava molto. Fondamentalmente, sono simboli di bellezza, che non ha una buona caratterizzazione.)

Recensione originale
04/21/2020
Zeidman Bosquez

Robert W. Chambers è stato un illustratore di riviste di successo che si è dedicato alla narrativa. Non è noto alcun motivo noto per il passaggio, oltre alla scrittura è venuto facilmente per lui e ha pagato meglio dell'illustrazione. HP Lovecraft, sebbene ammiratore della finzione di Chambers, lo raggruppò tra quelli che sono "... dotati del cervello e della formazione giusti, ma completamente fuori dall'abitudine di usarli." Ha scritto circa ottanta romanzi romantici ormai dimenticati, intervallati da esercizi in breve narrativa soprannaturale che continuano a trovare un pubblico. (Il suo unico romanzo fantastico è stato un razzismo, fascista fascista.)

Il Re in Giallo, il suo miglior lavoro, ha recentemente trovato un nuovo pubblico dai riferimenti opachi ad esso fatti nella serie TV Veri detective. Le persone che si rivolgono alla fiction per trovare significati nascosti nella serie saranno deluse. Nelle storie, Il Re in Giallo è un'opera teatrale, pubblicata ma raramente eseguita e ora vietata nella maggior parte dei paesi. Chiunque assista o addirittura legga il suo secondo atto diventa pazzo. Copie dell'opera teatrale o prove della sua influenza figurano in sei storie altrimenti non correlate nella collezione originale. Riferimenti a The King in Veri detective non sono aringhe rosse, ma non stabiliscono una relazione significativa con la fiction di Chamber.

Chambers utilizza uno stile finemente decorato che diventa stucchevole quando non si descrivono eventi orribili e grotteschi. (Lovecraft aveva un punto valido.) Insieme a una "storia raccontata da un pazzo", c'è una delicata fantasia messa in scena sulla brughiera inglese e due storie di terrore e tragedia ambientate nel mondo bohémien di artisti e modelle. Chambers, come tanti scrittori di finzione del XIX secolo e dei primi del Novecento, si immaginava anche un poeta. Scrive epigrammi di versi per le sue storie e una storia, "Il paradiso del profeta", è una specie di poema in prosa così terribile che posso immaginare quanto debba essere dimenticabile la maggior parte della sua narrativa.

Ho letto le storie di The King in Yellow in un'antologia di 600 pagine della strana narrativa della Camera. Per quanto siano divertenti queste storie, non sono propenso a scavare più a fondo nel cosmo della Camera.
04/21/2020
Maxim Billinger

La scrittura di Chambers può essere terribile - e non ho dubbi sul fatto che i due terzi di questa antologia siano illeggibili rifiuti di rodamina - ma Il Re in Giallo ne vale la pena. Adoro le storie che lo compongono, adoro il tutto idea dietro di esso, ama l'immagine di Carcosa perduta dove ci sono strane lune e stelle nere; e, soprattutto, adoro lo sguardo di odio dell'organista malvagio all'inizio di Nella corte del drago, una scena che è rimasta con me dal primo momento in cui l'ho letta.
04/21/2020
Mathews Katan

Mi è piaciuto molto Maker of Moons e The Demoiselle D'Ys. C'erano alcune storie abbastanza decenti nel re in giallo. Il tema ricorrente del personaggio principale che si innamora di una donna e poi la perde nell'altro personaggio maschile della storia è diventato un po 'stancante.
04/21/2020
Sib Pannunzio

Questa è un'esperienza di lettura strana. Coloro che arrivano a causa di un interesse per la strana narrativa apprezzeranno il front-end molto più del retro; la scrittura non è peggio, ma la stranezza diminuisce.
04/21/2020
Avruch Rosenfeldt

Il set King in Yellow è eccezionale e merita tutti gli elogi che ha ricevuto. Le altre storie della collezione sembravano un po 'carenti, potrei dover tornare a questa collezione in futuro.
04/21/2020
Milzie Stilley

Per quanto odio concordare con ST Joshi (l'editore di questo volume e un critico insopportabilmente snob, uno di quelli che danno un brutto nome ai critici letterari), la sua valutazione della scrittura di Chambers, espressa nell'introduzione di Joshi, è sostanzialmente accurata. I primi lavori di Chambers e un singolo lavoro successivo (rappresentato in questo volume dalla mezza dozzina di storie di Il re in giallo, un'altra mezza dozzina di Il mistero della scelta, e la storia del titolo di L'albero del paradiso) sono brillanti, sia artisticamente che come primi esempi di ciò che divenne noto come "storie strane". La scrittura in tutte le storie di King in Yellow è geniale e le trame sono avvincenti. Ma il resto della sua produzione, come descrive Joshi, è terribile: tentativi di essere umoristici che falliscono, trame ripetitive (e dettagli delle trame) e un vero slogan da superare. Quando Chambers è bravo, è DAVVERO bravo; quando è orribile, è indescrivibilmente orribile. A conti fatti, questo libro è per lo più orribile (e in parte non è nemmeno "strana finzione", contrariamente al titolo dell'editore), ma sulla base della qualità di quelle poche storie che sono brillanti (e questo libro è forse il un posto dove trovarli al di fuori delle loro stampe originali tra la fine del 19 ° e l'inizio del 20 ° secolo) devo raccomandare il suo acquisto o esame. E l'introduzione di Johsi sbaglia una cosa: il lavoro di Chambers è utile ai fini dell'analisi culturale (l'affermazione di Joshi al contrario rivela semplicemente che non ha letto abbastanza teoria e critica culturale per capire perché la sua affermazione è falsa).
04/21/2020
Wilinski Vanvleet

"The Yellow Sign" è un racconto dello scrittore americano Robert W. Chambers, pubblicato nel romanzo "Il re in giallo". La storia raccolta che ora sono determinata a leggere segue un tema connesso di una rappresentazione proibita "Il re in giallo" che induce disperazione in coloro che la leggono facendoli impazzire. Ho letto molti HP. Ultimamente Lovecraft e poiché Il re in giallo è stato profondamente ammirato da Lovecraft e ha detto di essere una delle opere più importanti della narrativa soprannaturale americana, è stato su questa base che ho raccolto questo racconto casuale per leggere, ed è straordinario.

L'orrore in questo libro non è qualcosa che puoi vedere o sentire insinuarsi dietro di te, è qualcosa di altrove, inafferrabile. È un leggero adattamento alla tua prospettiva che cresce e diventa una sensazione inquieta di qualcosa che non va. L'orrore è quello di essere perseguitato, non necessariamente di un essere corporale ma più di un'idea che si trova nella tua mente come un parassita, un pensiero fastidioso che non sparisce mai del tutto. Un oggetto maledetto e conoscenza proibita. L'inspiegabile paura dell'ignoto in equilibrio con la stragrande curiosità è ciò che ci rende umani e ciò che guida anche le sfumature soprannaturali di questa storia.
04/21/2020
Raimund Steinhardt

Raccolta di storie strane, davvero strane in questo caso ... non nello stesso senso di Lovecraft, ma perché Chambers aveva un certo potenziale per scrivere storie / romanzi interessanti e interessanti e ciò che fece in questa raccolta non era quello che mi aspettavo.
Quando l'ho sentito parlare per la prima volta, era in un libro di Lovecraft. Ovviamente ho pensato: "Oh, Lovecraft leggeva questo ragazzo, quindi proviamolo ..." In particolare, mi aspettavo che Il re in giallo fosse la migliore storia qui ... in effetti, potrebbe essere così , poiché non sono così interessanti: hanno a che fare con l'età emergente della scienza, l'ambiente di New York, un professore ricorrente Farrago, un protagonista che non potrà mai sposare la donna che ama, nessun essere o creatura soprannaturale come mi aspettavo .. .
04/21/2020
Subir Holliway

questo libro è spesso come altri 3 libri di caosium. ha TUTTE le cose strane dalle camere. strana narrativa davvero classica, roba che ha ispirato HP Lovecraft con alcune delle sue storie. raccoglie molto di più dell'originale "il re in giallo" con citazioni di hastur, i miei preferiti a parte quelli sono storie di "in cerca dell'ignoto" e "polizia !!!" che sono ben raccontate racconti che coinvolgono vari strani la fauna in zone remote del nuovo mondo e le sorti che colpiscono coloro che hanno la fortuna di scoprirle. "Le dame del lago" sono le preferite. Sono storie strane abbastanza buone.
04/21/2020
Stormy Grether

Questo autore è stato menzionato in una recensione di alcuni libri di Lovecraft su qualche altro sito Web, quindi l'ho preso per curiosità. Bene, posso capire perché i fan di Lovecraft vorrebbero questo ragazzo, ma la maggior parte delle storie di questa antologia non lo ha fatto per me. C'erano un paio di letture agghiaccianti qua e là, in particolare la trama del titolo che è davvero molto inquietante. Ma nel complesso, mi sentivo come se stessi leggendo una delle centinaia di autori minori che scrissero più o meno nello stesso periodo di Lovecraft, ma che non erano affatto così ossessivamente efficaci. Se sei un fan delle cose gotiche / soprannaturali del tardo vittoriano e di fine secolo, potrebbe valere la pena di leggerlo. Altrimenti saltalo.
04/21/2020
Alison Knebel

Mi piace il modo in cui il primo blocco di storie fa riferimento al fatto che leggere King in Yellow fa impazzire le persone. E qual è il titolo di quelle storie? Il re in giallo.
Scommetto che l'autore si è ritenuto un signore e tuttavia qualcun altro ha sempre la ragazza. Sembra succedere al suo personaggio principale in ogni momento.
Ogni raccolta di storie ha sicuramente un tema, alcuni più vagamente di altri. Fantasmi e mostri noti per lo più inquietanti. Solo una coppia cerca una creatura fantastica che per me significa Lovecraftian.
04/21/2020
Rosinski Bullman

Sebbene non tutte le storie di questa raccolta di volumi più piccoli siano fantastiche, tutte contengono elementi di grandezza e quelle veramente meravigliose contengono grandi momenti di stranezza e orrore della vecchia scuola. Se non hai sentito parlare di Robert Chambers, si inserisce da qualche parte tra Poe e Lovecraft con una tendenza leggermente più romantica (alcuni dei suoi romanzi, non inclusi qui, erano davvero romanzi). Inoltre, se ti stavi chiedendo tutto su quella roba di Yellow King e Carcossa menzionata nella prima stagione di "True Detective", questo ti darà un'idea.
04/21/2020
Frasier Hanny

Ottima narrativa "strana" post-Poe, pre-Lovecraft. Impeccabilmente originale con uno stile di scrittura che si inclina verso il lato classicista dello spettro, ma sicuramente non è troppo inebriante per le teste di polpa. La follia di "The Repairer of Reputations" e "The Yellow Sign" rimarrà con te per un bel po 'di tempo. Altamente raccomandato se ti piace l'orrore tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo.
04/21/2020
Edrick Rodocker

REVISIONE COMPLETA QUI

Nel complesso, se sei già un fan di Chambers, potrebbe valere la pena ottenerlo. Altrimenti, prendi da solo The King in Yellow e In Search of the Unknown. So che è quello che farò.
04/21/2020
Lorusso Kropiewnicki

Superba collezione di storie strane, ma tutte messe in ombra da The Repairer of Reputations, che è in fondo il motivo per cui esiste questa collezione. È di dominio pubblico, quindi basta leggerlo, è uno dei racconti più inquietanti e duraturi del genere.
04/21/2020
Bealle Clarno

Mi sono piaciute le ultime due parti di "The King in Yellow" (una collezione che volevo leggere da tempo). "The Demoiselle d'Ys" e "The Mask" erano grandi storie. Ho anche gravitato sulla collezione "Mystery of Choice". Più macbre e pensieri stimolanti di tKiY.
04/21/2020
Rosenberg Bansley

Guardando oltre il palese razzismo e misoginia che spesso viene semplicemente accettato come "del tempo", i personaggi di Chambers sono completamente in legno e non si sviluppano né imparano mai. Alcune delle descrizioni sceniche sono pura poesia, ma mancano di vera essenza di orrore, che incita poco o nessun timore.
04/21/2020
Deerdre Maya

Ho letto solo la collezione "The Yellow Sign" e dovrò essere d'accordo con altre recensioni: è frustrante perché puoi percepire il potenziale, ma non si "apre" completamente a ciò che potrebbe essere. Posso capire perché Lovecraft e altri si sono sentiti in dovere di elaborare la fiction di Chamber.
04/21/2020
Shelagh Bussani

Non ho finito perché ero troppo spaventato. La parte del libro che ho letto non era spaventosa, ma True Detective mi è venuto in mente
04/21/2020
Clywd Demko

Ok, 3 stelle per la scrittura reale, ma le 5 pipe complete per tutte le pipe; ben fatto, Chambers!

Scriverò una recensione leggermente più approfondita un po 'più tardi.
04/21/2020
Kreitman Chirag

Ну, сама идея, конечно же, хороша, но разрушительный эффект явно преувеличен. В сравнение с "Големом" не идет по крайней мере)
04/21/2020
Laundes Ducos

Ciò che TUTTI hanno detto. Una grande coppia di storie strane e poi una rapida discesa nella trippa formula da dieci centesimi.

Lascia una recensione per Il cartello giallo e altre storie