Homepage > Romanzo giallo > Finzione > Mistero > The Enemy Recensioni

The Enemy

Da Desmond Bagley
Recensioni: 26 | Valutazione complessiva: Bene
Premiato
8
Bene
11
Media
6
Male
1
Terribile
0
Malcolm Jaggard inizia un'indagine disperata quando il padre della sua fidanzata, l'ex scienziato russo George Ashton, svanisce a seguito di un violento attacco acido contro sua figlia. Ashton viene rintracciato dalla sua casa nel Buckinghamshire alle foreste invernali della Svezia, in una storia di rivalità tra gruppi di intelligence e scioccanti esperimenti di ingegneria genetica.

Recensioni

04/21/2020
Selemas Sanu

Enemy and The Monkey's Paw and ..., Desmond Bagley, WW Jacobs, Emilia Edwards, Bram Stoker
The Enemy è un romanzo thriller di spionaggio narrativo in prima persona dell'autore inglese Desmond Bagley, pubblicato per la prima volta nel 1977. Nel 2001 è stato trasformato in un film, interpretato da Roger Moore, Luke Perry e Olivia d'Abo. Malcolm Jaggard si definisce un economista, ma sta davvero lavorando per la British Intelligence. È fidanzato con Penelope Ashton e trascorreva un fine settimana a casa dei suoi genitori quando sua sorella è stata brutalmente attaccata da uno sconosciuto che le ha lanciato acido sul viso. Malcolm usa la sua posizione per indagare sugli Ashton e scopre con sorpresa che l'identità di suo padre, George Ashton, è classificata ai massimi livelli. È anche sorpreso quando i suoi superiori gli ordinano di proteggere gli Ashton da ulteriori attacchi a tutti i costi. George Ashton scompare improvvisamente. Incapace di intraprendere ulteriori azioni senza sapere chi sia realmente George Ashton, Malcolm elude illegalmente la sicurezza e scopre con stupore che George Ashton è davvero un ex genetista sovietico. A seguito del fatto che Ashton era stato avvistato a Stoccolma, Malcolm si reca in Svezia. Trova Ashton, ma anche i russi, e Ashton viene ucciso dal suo maggiordomo, Benson. Di ritorno a Londra, Malcolm è minacciato di licenziamento per incompetenza. Poco dopo, anche Penelope scompare e Malcolm la rintraccia in un laboratorio segreto di guerra dei germi su una remota isola scozzese gestita dal governo britannico. È malata di un nuovo batterio mutante e le viene negato il trattamento medico perché sarebbe un rischio per la sicurezza. Malcolm fugge con lei negli Stati Uniti, dove si riprende; tuttavia, Malcolm scopre di essere stato anche infettato da una nuova malattia e ha ancora meno di un anno da vivere.
تاریخ نخستین خوانش: سال 1988 میلادی
عنوان: دشمن (متن کوتاه شده) و سه داستان دیگر ؛ نویسندگان: دزموند باگلی ؛ و.و. جاکوبز; امیلیا ادواردز; برام استوکر; مترجم: احمد پوری; تهران, نشر مرکز, 1374; در 240 ص; شابک: 9643051102 mila; موضوع: داستانهای کوتاه از نویسندگان - سده 20 م
کتاب برای نوجوانان است در قطع جیبی, شامل چهار داستان که وجه مشترک آنها جنبه ی تخیلی و گاه وهم آمیز آنهاست, نویسندگان در حوزه ی کار خود مشهورند مخصوصا «دزموند باگلی :, نویسنده ی داستان«دشمن», که شهرتش بیشتر بخاطر داستانهای هیجان انگیز و پرحادثه ی ایشانست ، همچنین «و. جاکوبز »که داستان« پنجه ی میمون »ایشان شهرت بسیار دارد. «برام استوکر» ، نویسنده ی داستان «خانه ی قاضی» ، و «امیلیا ادواردز» نویسنده ی داستان «کالسکه ی اروا ا. شربیانی
04/21/2020
Felipa Annett

The Enemy
Desmond Bagley

Alcune righe del libro:

• La conoscenza è potere e i servitori non devono avere potere.
• Abbiamo incontrato il nemico ed è lui.
• Aveva l'aspetto di un bambino che ha appena scoperto che il mondo è un posto ingiusto, lo sguardo di un ragazzo che è stato punito per qualcosa che non ha fatto.
• Il mio cuore era come un uccello che canta e ho capito la verità in tutto ciò che dice l'amore.
• Proverbio francese "L'uomo che trova un bravo genero guadagna un figlio, ma l'uomo che trova un cattivo perde una figlia."
• Se qualcuno mi spara, io rispondo.
• Tutto sembra sempre tornare al denaro e ai politici.
• Il fuoco è un'ottima cosa per distruggere ciò che è male.
• Un uomo deve fare qualcosa di importante nella sua vita, qualcosa che le persone ricorderanno.
04/21/2020
Pliner Souliere

Divertimento! Leggere questo dal classico autore di "spie e shenanigans della Guerra Fredda" Desmond Bagley mi ha rassicurato sul fatto che non vivevamo sempre in un'età di Dan Brown. Questo ha una trama frenetica, complessa ed eccitante E (scioccante) Scrive a malapena bene. Certo, è tutto un po 'sciocco, ma in senso buono.
04/21/2020
Raynor Dicino

Ho amato il bagley da giovane, e questa è una trama fantastica e lungimirante per il suo tempo. Molto inventivo, anche se ricorda un certo tempo e posizione nella società britannica. Una lettura eccezionale - vorrei poter scrivere così. 4+. Non capisco perché non abbia rating più alti - potrebbe essere negli Stati Uniti rispetto ai mercati del Regno Unito - è molto britannico.
04/21/2020
Sibell Larreta

Di solito non mi piacciono le storie di tipo spia ma Desmond Bagley non manca mai di raccontare una bella storia. Sono stato agganciato nei primi 30pg. È un bravo scrittore ... quello che chiamo un classico scrittore di vecchia scuola. Provalo..e divertiti!
04/21/2020
Summons Dutel

Un thriller decisamente sciocco e un po 'esigente sui fastidiosi bevitori di tè che bungle ripetutamente i loro casi prima di inciampare quasi accidentalmente sulla verità di loro. Un ritorno al passato semi-progressista con una donna intelligente che è anche una specie di bella fanciulla, The Enemy presenta una strana storia, morti inutili provocate involontariamente dai protagonisti e un agente segreto australiano.

Questo non era abbastanza per farmi desiderare di più Bagley, ma saprò sempre che è a portata di mano, se necessario.
04/21/2020
Jenifer Valles

Non definirei "The Enemy" rivoluzionario, ma è un mistero di spionaggio divertente e divertente. Il tipo di libro che leggi quando sei troppo stanco per pensare.
04/21/2020
Schrick Maccauley

Un mistero con una buona suspense. Come se stessi staccando gli strati di una cipolla. Mi fa indovinare fino alla fine, con diversi campi scientifici? e storia coinvolta. I termini e le spiegazioni sono un po 'affrettati e complicati, quindi non riesco a capirli completamente. Alcune informazioni tecniche che ho appena sfogliato? Mostra la ricerca approfondita che l'autore ha fatto immagino, il che rende credibile la storia. Le relazioni umane nei luoghi di lavoro dei personaggi sono realistiche e contribuiscono a gran parte della trama.

Mi piacciono abbastanza i personaggi principali e li conosco. La personalità del protagonista Malcolm può essere dimostrata dalla sua narrazione. La cosa triste è che non sono molto coinvolto emotivamente. Lo stile è troppo pratico e diretto, come un'affermazione perché è scritto come un articolo per le notizie. Adoro il finale sorprendente, dicendoci lo scopo dell'intero pezzo, che è quello di rivelare la verità e avvertirci dell'egoismo.

Nel complesso, The Enemy è un mix di Lee Child e Dan Brown, ma non è buono dato che è relativamente troppo corto (solo 288 pagine) per una trama così sofisticata. È divertente e insegna una grande lezione morale. Non una lettura leggera però.
Voto: 3.8 / 5
04/21/2020
Nickolas Jungels

Senza dubbio il miglior romanzo di Desmond Bagley.
L'intricato intreccio delle vite di un fisico russo disertato, che ora è un rispettato industriale nelle Midlands inglesi, il suo Dio teme la figlia casalinga che affronta una tragedia, la sua seconda figlia genetista che sta mutando il DNA attraverso i microbi, i vari dipartimenti governativi che stanno sfruttando la loro situazione, il suo futuro genero che è coinvolto in tutto questo sta arrivando a un disastroso climax sulle isole Kirkwall nella Scozia settentrionale.
Scritto in modo eccellente, narrazione estremamente veloce, personaggi molto ben incisi e, soprattutto, un tema così contemporaneo nel 2020, quasi 50 anni dopo che è stato scritto ... i pericoli dell'ingegneria genetica senza restrizioni.
04/21/2020
Idoux Joganic

La trama è fantastica! Anche se sono nella stagione degli esami di ammissione all'università, il romanzo mi ha fatto rimanere bloccato!
04/21/2020
MacCarthy Connington

Da bambino / adolescente ho adorato i "semplici" romanzi di suspense di Desmond Bagley e Alistair MacLean, divorando ogni parola. Innescato da un adattamento audio di Frana su cui mi sono imbattuto, ho deciso di rivisitare Desmond Bagley per vedere se i romanzi potevano resistere all'usura di oltre 35 anni.

La prima (piacevole) sorpresa fu che anche se pensavo di aver letto tutti i libri, non tutti erano stati tradotti in danese in quel momento, quindi potevo iniziare con un paio di nuove esperienze.

The Golden Keel (1963), High Citadel (1965), Wyatt's Hurricane (1966)

I primi 3 libri, tutti nuovi per me, sono state piacevoli sorprese ed è chiaro da vedere perché Bagley è diventato così rapidamente un romanziere di best-seller, le storie sono ben scritte con un ritmo veloce e un senso del dettaglio che le rende leggibili anche oggi .

Frana (1967)
La frana è stata una rivisitazione e uno dei miei preferiti sia allora che ora, la storia è accattivante e ha un chiaro sentimento manoscritto cinematografico,

The Vivero Letter (1968)
Un altro "nuovo" romanzo, non era forte come i primi 4, ma comunque divertente.

The Spoilers (1969)
Un altro nuovo romanzo e un punto decisamente basso, la storia è debole e assolutamente incredibile.

Running Blind (1970)
Un'altra rilettura e un altro favorito, forse il suo miglior romanzo, la storia è forte, l'ambientazione in Islanda è brillante e i personaggi, per quanto semplici, sono credibili.


The Freedom Trap (1971)
Un altro nuovo romanzo molto vagamente collegato a "correre cieco", questa volta per lo più collocato in Irlanda, leggermente più debole del suo predecessore ma comunque una lettura piacevole.


The Tightrope Men (1973)
Un'altra rilettura, quella di Bagley sul thriller politico della Guerra Fredda, che Le Carre ha reso famoso in quegli anni, Gli intrighi politici sono piuttosto piatti per me, ma la storia d'azione circostante è Bagley al suo meglio


The Snow Tiger (1975)
L'ho letto nel 2012 e ho deciso di non rileggerlo questa volta. La storia è ben scritta e come qualcosa di nuovo costruito attorno a una struttura retrospettiva, così la prima metà del libro racconta eventi già accaduti mentre la storia inizia da lì, Bagleys tenta prima di giocare con la forma narrativa e ben realizzato. sicuramente tra i primi 3 bagley.

The Enemy (1977)
Un altro "nuovo" romanzo e una buona a quello. Bagley è ora un narratore maturo con più dimensioni, la storia è ancora veloce ma molto più imprevedibile rispetto ai romanzi precedenti, questo in realtà ruota in una direzione totalmente inaspettata per due terzi, un altro romanzo solido e tutt'altro che obsoleto.



Flyaway (1978), Bahama Crisis (1980), Windfall (1982), Night Of Error (1984), Juggernaut (1985)
04/21/2020
Lindberg Pinkleton

Quando stavo leggendo l'introduzione in libreria, sembra interessante "Una donna che è stata ferita lanciandosi acido in faccia", forse non sono una grande fan del thriller, ma questa svolta in una piccola storia potrebbe essere in alcuni parte del libro solo una persona stava risolvendo il mistero, non avevo avuto l'opportunità di leggere come funziona Scotland Yard ma il crimine era prevedibilmente risolto. Secondo me è un buon libro per i lettori di thriller principianti.
04/21/2020
Cathlene Busman

Di solito romanzi davvero letterari, quindi quando trovi un romanzo di avventura decente come questo, all'inizio può essere abbastanza emozionante. Ma sebbene sia stato bello ed emozionante leggere, una volta finito, beh, era così. È stato un po 'come, oh, giusto, questa è la fine. Divertente da leggere ma non mi ha cambiato la vita.
04/21/2020
Kaja Gail

Questo libro ha cambiato il modo in cui guardavo alla vita e alla scienza. Mi ha aiutato a capire che anche le persone che sembrano essere semplicemente ordinarie possono avere enormi segreti. Ognuno è straordinario a modo suo, e se vogliono qualcosa da fare, trovano il modo di farlo. Niente è impossibile e ci sono segreti che dovrebbero morire con noi, perché il nemico è in noi stessi.
04/21/2020
Gona Landero

non c'è molto da dire su questo libro, mi è stato consigliato da un amico, l'ho trovato molto interessante all'inizio, ma nel mezzo mi sono perso e le cose si sono confuse nella mia testa e non sono riuscito a far uscire Benson Ashton lol, non mi arrenderò comunque con l'autore, leggerò la chiglia d'oro
04/21/2020
Abert Miko

Ho appena finito di leggerlo di nuovo, oltre 30 anni dopo averlo letto per la prima volta. Avevo letto nella mia adolescenza, dopo essere stato avvertito di non farlo! Mi è piaciuto moltissimo, senza ricorrere alla reazione violenta quando la prima lettura non è elaborata in quanto lo rovinerebbe per coloro che ancora non la leggono
04/21/2020
Atalanti Barbadillo

The Enemy è il mio libro preferito in assoluto di tutti i tempi. Questo libro mi ha fatto flagellare gli scaffali delle biblioteche per leggere bene. Questo thriller di spionaggio misterioso ti conquisterà dall'inizio alla fine e ancora non ti lascerà andare dopo.
04/21/2020
Farand Denby

The Enemy è ora il mio secondo Bagley preferito, dopo "The Tightrope Men" che è il suo migliore. Avrei dato 5 stelle se il finale fosse stato diverso (non mi piacciono i finali tristi nella mia fantasia d'azione).
04/21/2020
Poll Devost

Questa storia, e la mia lite, stanno ormai finendo. Non è una storia felice. Nelle parole di uno scrittore americano:
"Abbiamo incontrato il nemico, ed è lui."
Spero, per amor tuo, che si sbagli.
.
Fine .
04/21/2020
Ringo Boursaw

finora mi piace molto questo libro, pieno di suspense e mistero. Se sei disposto a prenderti il ​​tuo tempo e seguire la trama, ti consiglio vivamente di leggere questo libro
04/21/2020
Talanian Kooy

Mi è davvero piaciuto, è stato perfetto, un mix di suspense, mistero, un po 'di romanticismo, mi è davvero piaciuto leggere questo libro !!!
04/21/2020
Heppman Lanphear

un romanzo così commovente ed emozionante mi è davvero piaciuto ed è stato difficile per me mettere giù il libro quando ho iniziato a leggerlo ... geniale.
04/21/2020
Schoening Papasergi

Ho appena finito.

Ha uno scenario molto fluente.

Penso che non ci vorrà molto tempo.

Alla fine, potresti non trovare tutte le risposte alle tue domande nella tua mente!

Lascia una recensione per The Enemy